Astralmusic

Agli ospedali riuniti di Ancona la Tac più potente del mondo

ANCONA – Inaugurata agli Ospedali riuniti di Ancona  la Tac più potente del mondo,  la prima in Italia in uso in una struttura pubblica.  Si chiama Somatom Force e vanta una altissima velocità di scansione e una bassissima dose radiogena: una total body richiede meno di cinque secondi per un adulto e un solo secondo se si tratta di un bambino.

“Un investimento da due milioni – ha sottolineato il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli che ha partecipato questo pomeriggio alla presentazione del nuovo strumento di diagnostica per immagini insieme al presidente della Commissione consiliare Sanità Fabrizio Volpini -. Sono soldi ben spesi per una tecnologia avanzatissima che siamo i primi in Italia come struttura pubblica ad avere. E’ il segno di una strategia che investe su un hub centrale del sistema sanitario regionale al servizio dei cittadini per poi lavorare insieme agli altri e dare a chi ha necessità, risposte di grande qualità. Le risorse che abbiamo messo a disposizione per finanziare gli investimenti ammontano a 202 milioni e sono  frutto di un emendamento del governo che ha sbloccato fondi altrimenti inutilizzabili e ha permesso alle regioni virtuose e con i conti in ordine, come le Marche appunto, di poter immettere risorse preziose nel sistema sanitario. Chi si rivolge ai nostri ospedali chiede servizi qualificati, personale competente, strutture adeguate e alta tecnologia. Noi stiamo lavorando per assicurare questo a tutti i marchigiani e i dati positivi di fine anno delle nostre aziende ospedaliere ci incoraggiano a proseguire ”.

Nel corso della presentazione il direttore Michele Caporossi ha annunciato anche l’arrivo, al pronto soccorso, tra circa tre mesi, di una seconda Tac all’avanguardia denominata Revolution   che abbrevierà notevolmente i tempi di attesa dei pazienti.

“Stiamo parlando di tecnologie – ha spiegato – che si collocano all’interno di una rivoluzione vera e propria della medicina. Solo in Qatar esiste un ospedale con due macchinari così all’avanguardia e Torrette si candida a diventare un centro di riferimento almeno a livello europeo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*