Azienda locale battezza vino rosato "Petaloso"

JESI –  Il termine “petaloso” impazza sui social e arriva anche su pubblicità e prodotti.

L’aggettivo, su invenzione di Matteo, un bambino di 8 anni che frequenta la terza elementare presso la Scuola Marchesi di Copparo, in provincia di Ferrara, era stato scelto dall’alunno per descrivere un fiore. La maestra Margherita Aurora aveva sottolineato il termine come errore, aggiungendo “ma bello”: da qui parte la richiesta dell’insegnante rivolta all’Accademia della Crusca di inserire il vocabolo nel dizionario di italiano. Il resto è storia.

L’azienda Tenuta San Marcello di Massimo Palmieri, con sede a San Marcello, ha deciso di cavalcare l’onda mediatica e di chiamare “petaloso” il suo nuovo vino rosato.

Il viticoltore bio ha creato la bottiglia con i figli di anni 8 e 13 anni, informando sia il piccolo Matteo che la maestra Margherita della scelta, con la promessa di inviare loro i primi due cartoni della produzione come presente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.