Matt Cancelleria

Banca Marche, oggi l’udienza preliminare: in 3000 si costituiscono parte civile

ANCONA – Questa mattina presso il tribunale di Ancona ha avuto inizio il processo che vede imputate 16 persone tra ex amministratori, direzione, dirigenti e sindaci revisori di Banca Marche.

I reati loro contestati sono di varia natura e tra di essi quello che appare decisamente più grave è la bancarotta fraudolenta per la quale è prevista una prescrizione di 10 anni.

Circa 3.000 iscritti all’Unione Nazionale Consumatori, dipendenti e clienti di Banca Marche, che si sono costituiti parte civile a tale processo con il patrocinio legale dell’Avv. Corrado Canafoglia.

Dal proprietario terriero del Maceratese, che ha visto azzerato il valore di azioni per 6 milioni di euro, all’emigrato che ha perso i risparmi di una vita con le obbligazioni subordinate, fino ai dipendenti a cui sono stati ridotti gli emolumenti durante il periodo di commissariamento.

La Procura di Ancona ha chiesto il rinvio a giudizio per 16 persone del vecchio management, a partire dell’ex direttore generale Massimo Bianconi, accusate a vario titolo di bancarotta, ostacolo alla vigilanza e falso in prospetto. La Procura ha indicato come parte offesa la vecchia BM nella persona del commissario straordinario Bruno Intartariti. 35 mila pagine di documentazione (7 valigie) corredano la richiesta dei legali dei consumatori.

«Per ciò che attiene all’entità del danno subito da parte dei ricorrenti, per i clienti azionisti verrà richiesto un danno patrimoniale pari a quanto speso per l’acquisto delle azioni ed un danno morale pari al 30% del danno patrimoniale – si legge in una nota stampa di Dipendiamo Banca Marche –  Per i dipendenti, oltre a quello per l’acquisto delle azioni, verrà richiesto un ulteriore danno patrimoniale per le quote di stipendio legate all’andamento della banca e non più erogate dal 2013. Anche per i dipendenti verrà richiesto un danno morale pari al 30% di quanto sopra indicato. Un danno patrimoniale verrà richiesto anche per gli obbligazionisti forfettari e sarà pari alla differenza tra il valore d’acquisto dell’obbligazione e la cifra già percepita dal Fondo interbancario».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.