Astralmusic

Breccia, calzolaio umorista: “Con i miei cartelloni in dialetto attiro sorrisi”

JESI – Solare, auto-ironico, scherzoso e gentile: sono i tratti caratteristici che meglio descrivono Giovanni Breccia, calzolaio artigiano che ha la sua bottega a Jesi, in via San Francesco n. 15.

La curiosità di conoscerlo ed intervistarlo è emersa quando tempo fa, venne pubblicato un post su Facebook, il social network più famoso, che segnalava una particolare vetrina piena di cartelloni “fatti a mano”, alcuni dei quali recitano:

“Non opero in borsa, non faccio il borsaiolo, non sono borseggiatore, non riparo borse (le faccio riparare).”

O ancora: “So che non ve piace de vedevve le borse sotta all’occhi; nemmeno a me!! Perciò venide a ritiralle!”

Cartelloni scritti a mano, in dialetto, puro umorismo del signor Giovanni, di Offagna, che da 15 anni ha la sua bottega a Jesi e da 50 viene “ospitato” a Santa Maria Nuova Da mia moglie” afferma, ridendo.

“Prima di fermarmi qui, ne ho girati di paesi. Ho ricominciato la mia attività da calzolaio da dopo sposato, nel ’74. Io sono un chiaccherone  – precisa –  Imparavo da mio padre, ma siccome l’attività non rendeva, lavoravo in una delle prime fabbriche in zona Baraccola (Ancona), la Mirum, ed ero tagliatore e stiratore di abiti da donna, in catena di montaggio. Mi dedicavo all’attività di calzolaio il sabato. Negli anni ’80 la fabbrica chiuse, ho cercato altrove, poi però, ragionando anche con mio fratello, ho deciso di tornare alle origini. E pensare che mio padre neanche voleva che facessi il calzolaio!”

E invece, da anni, il signor Giovanni lavora in bottega e attira clienti regalando loro un sorriso. Gli ho domandato da quanto tempo scrive questi suoi particolari messaggi pubblicitari e soprattutto da cosa è scaturita questa idea. Mi ha risposto: In realtà li scrivevo anche da prima di venire qui, quando mi veniva pensato a qualcosa di divertente ridevo da solo, così ho pensato di esporli in vetrina per far ridere anche agli altri. Sono un po’ in dialetto jesino e un po’ in dialetto offagnese. Non parlo in modo forbito. Ho iniziato facendo battute sulle borse…”

Forse è anche questo spirito allegro, insieme all’abilità artigiana, a conquistare clientela? “Io penso proprio di sì. Ci vuole tempo per farsi la clientela, per quanti dicono che un calzolaio serve sempre. Io cerco di attirare gente con la mia ironia.”

 

Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*