Matt Cancelleria

Coordinamento No Torre Erap: «Il Sindaco tenta di mettere “le mani avanti”»

JESI – Il Coordinamento Jesi No Torre Erap lancia accuse in merito all’ultima seduta del consiglio comunale del 23/11/2017 (qui da 1.31.00): «Sono state pronunciate, e purtroppo non é la prima volta, parole sarcastiche e perfino offensive nei confronti dei residenti di San Giuseppe, ai quali il primo cittadino ha provato ad attribuire, in maniera preventiva, la responsabilità di una futura ed eventuale mancata accoglienza nel quartiere delle famiglie che andrebbero ad abitare nel palazzone Erap di via Tessitori».

Secondo il Coordinamento «Nessuno può ignorare che il degrado delle periferie, derivante da scelte amministrative sbagliate, possa alimentare rischi di pericolose derive di intolleranza razziale ed insofferenze reciproche, ma è opportuno ricordare a tutti che il disagio è stato creato da tanti anni di mala politica, di pessime soluzioni urbanistiche e dalla mancanza di politiche sociali adeguate – sostiene il movimento cittadino – Appare, inoltre, quanto meno ingeneroso non ricordare la tradizione di ospitalità ed accoglienza di questo importante quartiere jesino. Perciò ogni tentativo di mettere le mani avanti attribuendo le possibili conseguenze dei propri errori politici ai residenti storici di San Giuseppe va respinto nettamente al mittente».

Il Coordinamento aggiunge: «Sarebbe meglio che il Sindaco evitasse di evocare futuri scenari di intolleranza, che fortunatamente non appartengono alla storia di questa città, cercando di scaricare sugli abitanti di un quartiere popolare le colpe del disastro sociale; si guardi piuttosto in faccia la realtà di oggi e le responsabilità accumulate nel tempo; si prenda atto di una verità oggettiva ed inconfutabile, ovvero che un palazzone di 7 piani di edilizia popolare, in un quartiere come San Giuseppe, non potrà di certo rendere migliore una situazione già fortemente compromessa». 

Per tale motivo, proseguirà l’impegno dei tanti cittadini contrari alla costruzione: «Impegno che certamente merita più rispetto da parte sia del sindaco che della sua maggioranza». E va avanti anche la raccolta fondi per autofinanziare il costoso ricorso al Tar: «Ricorso che, ricordiamolo, poteva essere evitato, se solo la politica dal 2002 ad oggi avesse gestito meglio l’intera vicenda. Riguardo alla riqualificazione del quartiere, operazione che richiede investimenti e capacità progettuali, non basta certo la modifica del senso di marcia di qualche strada o trasferire in via Tessitori il comando dei Vigili Urbani, servono altresì interventi importanti e non solo di natura urbanistica, ma anche sociali e culturali, che scaturiscano da decisioni amministrative partecipate e condiviseÈ paradossale che dei residenti si tema la reazione, come ha mostrato il sindaco cercando alleanze perfino con la minoranza, invitandola ad una assunzione di responsabilità nelle decisioni da prendere. L’amministrazione comunale a cui, secondo le regole democratiche, spettano le decisioni e l’amministrazione del territorio, vorrà finalmente iniziare ad ascoltare la cittadinanza per realizzare provvedimenti di buon senso oppure preferirà continuare ad intraprendere altre scelte impopolari, come già anticipato in Aula, salvo poi meravigliarsi delle proteste dei residenti?».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.