Matt Cancelleria

Discarica, parla “Innovazione e Responsabilità”: «Scontro distruttivo per la Vallesina»

Il capogruppo di Innovazione e Responsabilità Aldo Cursi

MOIE – “Dopo la ineccepibile bocciatura dell’ ampliamento/completamento da parte del TAR, per evitare un impatto traumatico sul bilancio comunale e sull’occupazione nella SOGENUS, abbiamo appoggiato l’ approvazione del progetto di riprofilatura del IV stralcio che portava, a fronte di un modesto aumento di cubatura, ad  una chiusura meno affannosa dell’ impianto, concretizzando soprattutto una  possibilità  storica: chiudere definitivamente lo scontro distruttivo fra Maiolati e diversi comuni della Vallesina sulla durata della discarica”: così il gruppo consiliare Innovazione e Responsabilità di Maiolati Spontini sul fine vita della “Cornacchia” . “Ci abbiamo provato, ma questi Amministratori pensano solo al denaro facile ed ha ancora prevalso l’avventura e l’arroccamento – scrive il gruppo consiliare di minoranza in una nota stampa – Nell’incontro fra sindaci del 12 Luglio u.s., è stato chiarito infatti, che se il nostro Consiglio avesse deliberato che questo era l’ultimo atto dell’ attività della discarica, i comuni  limitrofi non avrebbero presentato  ricorsi giurisdizionali, consolidando così le Autorizzazioni. I partiti che sostengono la Giunta, ad eccezione di Sinistra Italiana,  hanno buttato a mare questa possibilità perché vogliono continuare ad interrare, delegando  così la scelta alle aule dei tribunali, gettando nuovamente e senza pudore, nell’ incertezza il bilancio e la SOGENUS. Il tutto, con ogni probabilità, suggellato  da un bell’accordo spartitorio di poltrone nel rinnovo degli organismi direttivi  della società. Se questo accadrà le responsabilità saranno ben chiare!”.

Innovazione e Responsabilità fa sapere che, pur capendo le ragioni di chi lecitamente si opporrà al TAR, proseguirà nella sua opposizione costruttiva nell’interesse dei cittadini, “ricercando un’alternativa unitaria, seria e credibile a questo modo maldestro di amministrare”.

Due parole infine sull’operazione del rimpasto: “Nel 2014 non c’è  stato ricambio nella Giunta e ciò ha spinto alcuni di noi ad uscire dal PD e contribuire alla formazione di questa lista civica – si legge nella nota –  Nella Giunta quindi, se c’è rinnovamento ben venga. In questi mesi si è però evidenziato a livello nazionale con Renzi, che un ricambio generazionale senza vera innovazione politica e qualitativa, ha perso e sta favorendo la rinascita del centro destra di vecchio stampo  con  personaggi già abbandonati dagli elettori. Se a Maiolati  il rinnovamento significa, come pare, disinteresse alla collaborazione intercomunale e continuità della vecchia politica sui rifiuti, sarà un’ ennesima bolla di sapone”.   

 Comunicato da: Innovazione e Responsabilità

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.