Matt Cancelleria

Donne (In)visibili, Jesi verso una toponomastica rispettosa del genere

JESI – Giovedì prossimo (16 novembre) alle ore 16.30 presso l’aula Magna dell’IIS Galilei, viale del Lavoro, si parlerà del progetto Donne (In)visibili, una proposta di attività didattica per una toponomastica rispettosa del genere.

In seguito alla pubblicazione del libro “Le vie delle donne marchigiane: non solo toponomastica”, edito dall’Università di Macerata, il Coordinamento Donne Lega Jesi Spi CGIL, Casa delle Culture di Jesi e UDI promuovono un’iniziativa di ricerca in tale direzione, da realizzare con giovani studenti/esse, convinte che possa trovare una forma di attenzione e coinvolgimento anche in una realtà più delimitata come il territorio del Comune di Jesi.

Obiettivo, giungere alla consapevolezza che le vie sono per la stragrande maggioranza intitolate a figure maschili; ricercare figure femminili del passato più o meno recente che invece potrebbero essere ricordate attraverso la titolazione ad una via, luogo pubblico, fare proposte concrete di titolazione.

L’ iniziativa parte dall’ipotesi che, anche nella toponomastica locale, persista una discriminazione di genere che nasconde o minimizza il valore delle molte donne che hanno contribuito, in modi ed ambiti diversi, a migliorare la vita sociale-culturale –economica dei propri concittadini/e, nel corso della loro esistenza.

Risulta altrettanto auspicabile un recupero della memoria storica recente da parte delle nuove generazioni.

All’incontro, interverranno le autrici del libro: Claudia Santoni, membro del Consiglio Scientifico della Sezione Studi di Genere dell’AIS (Associazione Italiana di Sociologia), cultrice in Sociologia dell’educazione all’università di Macerata, presidente dell’Osservatorio di Genere; Silvia Casilio, Dottore di ricerca in Storia politica e istituzioni dell’area Euro-mediterranea nell’età contemporanea, cultrice in Storia Contemporanea all’ Università degli studi di Teramo, socia fondatrice dell’Osservatorio di Genere; Ninfa Contigiani, ricercatrice di storia del diritto all’università di Macerata e Presidente del Consiglio delle donne del  Comune di Macerata.

Durante la serata saranno raccontate tre donne marchigiane descritte nel libro, in primis la sindacalista jesina Gemma Perchi, ma anche un’altra sindacalista Adele Bei di Cantiano (Pu) e la prima donna sindaco, Ada Natali di Massa Fermana.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.