Matt Cancelleria

Incidente Largo Grammercato, residenti: «Segnaletica inesistente». Scatta una petizione

JESI – Incidente questa mattina in zona Largo Grammercato, uno scontro tra due auto fortunatamente senza gravi feriti.

Il dott. Pasquale Liguori, questa volta nelle vesti di un privato cittadino residente e non in qualità di presidente del Tribunale per i Diritti del Malato, ci invia una considerazione in merito allo stato della segnaletica a terra nella zona tra Via Rosselli,Via Battisti, Via Marconi, L.go Grammercato, Via Castelfidardo: «Ormai da tempo immemore non si leggono più strisce pedonali e stop, quasi completamente cancellati e tutto ciò mette a serio rischio la incolumità dei cittadini. Per non parlare dei marciapiedi dissestati e mancanti di mattonelle ove in particolare quando piove, camminare significa sottoporsi ad  una sorta di roulette russa per non incappare in una mattonella con “schizzo incorporato”».

Per Liguori, sono urgenti i lavori di riqualificazione in quanto la zona è «abitata in gran numero da anziani, a volte claudicanti con bastone, che fanno una fatica da matti per rimanere in piedi».

E aggiunge: «Allora mi domando: che fine hanno fatto le promesse fatte in campagna elettorale per la sistemazione dell’area in questione?Come si spiega che solo su una parte di Via Marconi è stato rifatto l’asfalto? Come si spiega che in molte zone della città lavori stradali e segnaletica sono stati eseguiti ?Non voglio credere che i cittadini di Jesi possano essere considerati alcuni “figli e altri figliastri”».

«Mi farò portavoce di questo problema con una petizione scritta al sig. Sindaco auspicando  un suo personale interesse alle problematiche di questa zona».

1 Commento su Incidente Largo Grammercato, residenti: «Segnaletica inesistente». Scatta una petizione

  1. Personalmente ho segnalato in diverse occasioni che la segnaletica orizzontale, con particolare riferimento agli attraversamenti pedonali dell’ impianto viario in diverse parti della città, è diventata pressochè invisibile. Ho anche fatto presente che tale “invisibilità” potrebbe essere anche utilizzata quale giustificazione in caso di investimenti o incidenti in genere. Ho anche suggerito che il rifacimento degli attraversamenti pedonali dovrebbe avere la precedenza su tutti i lavori collegati alla segnaletica, proprio perché riguarda l’ esposizione fisica dei cittadini-pedoni di ogni età, e sarebbe sconsigliabile attendere il rifacimento dell’ intera via per poterlo attuare.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.