Investe bambino sulle strisce e scappa, carabinieri rintracciano donna pirata

JESI – I militari del Radiomobile di Jesi, agli ordini del maresciallo Roberto Scarpone, hanno inoltrato una informativa sul conto di una 50enne di Jesi, poiché si sarebbe resa responsabile dei reati di fuga in caso di incidente stradale con danno alle persone e omissione di soccorso alle persone ferite.

Il 12 luglio i militari vengono chiamati per i rilievi di un incidente stradale verificatosi verso le 19.30 nei pressi del centro commerciale La Fornace, a Jesi, in conseguenza del quale un bambino di 10 anni aveva riportato lesioni dopo che era stato investito sulle strisce pedonali, mentre del suo investitore non c’era traccia.  Grazie alla collaborazione di alcuni testimoni che hanno rilevato il numero di targa è stato possibile identificare la conducente dell’auto.
La donna, con documenti di guida regolari, avrebbe riferito ai militari di aver proseguito senza fermarsi avendo visto il bambino rialzarsi dopo l’incidente.
In realtà, il ragazzino investito ha riportato lesioni, subite e refertate dall’ospedale con una prognosi di 10 giorni.

1 Commento su Investe bambino sulle strisce e scappa, carabinieri rintracciano donna pirata

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.