Jesi “popolo giallo” per Claudio e Paola Regeni

JESI – “Abbiamo fatto tanti incontri in giro per l’Italia, però penso che questo di oggi sia quello che ha visto più affluenza di tutti. Grazie”. Sono le parole di una commossa Paola Regeni, madre di Giulio, il giovane italiano trovato morto il 2 Febbraio 2016 a Il Cairo, in Egitto, per cause ancora sconosciute.

Paola e suo marito Claudio sono stati ospiti questo pomeriggio al Palazzetto dello Sport “E.Triccoli” di Jesi, in occasione della Giornata della Pace, le cui iniziative sono state coordinate dalla Consulta per la Pace e dal Comune di Jesi.

Un fragoroso e caloroso applauso da parte di un pubblico folto e partecipe ha aperto l’articolato pomeriggio, moderato dal Paolo Gubbi, coordinatore della Consulta per la Pace, che ha ospitato le testimonianze di chi meglio conosceva Giulio Regeni, oltre a Luca Butini, Assessore alla Cultura di Jesi, e ai già citati Claudio e Paola Regeni: Michela Vanni, insegnante della scuola media di Fiumicello, e Bruno Lasca, ex assessore alla Cultura e all’Istruzione di Fiumicello.

“La Consulta per la Pace ci educa ad avere comportamenti pacifici tra cittadini e di conseguenza anche tra Istituzioni. Ospitare Claudio e Paola è fondamentale per la realizzazione di questi comportamenti” fa sapere Butini.

“Sarebbe stato un desiderio di Giulio quello di partecipare ad una manifestazione che come questa dà la possibilità di apprezzare i valori per la Pace”  risponde Claudio Regeni, anche lui visibilmente commosso. E la commozione è più forte quando descrive suo figlio: “Giulio era un cittadino liberamente pensante, libero!”.

“Vedendovi tutti qui, Giulio si chiederebbe cosa ci fate in così tanti per lui. Era una persona dal basso profilo. Felice nella vita, ma con semplicità. Gli aspetti della solidarietà, dell’equità, li stiamo tutti imparando da lui” aggiunge la moglie Paola.

Non si è parlato dello svolgimento delle indagini, tema delicato e ancora pieno di incognite, ma è emerso quello che Giulio Regeni era, ripercorrendo la sua vita. In primis non era un giornalista, ma un ricercatore, da sempre interessato alle diverse culture. Ha da sempre viaggiato alla scoperta di nuove lingue e tradizioni grazie all’insegnamento dei genitori, che lo ha portato a scegliere di studiare all’estero. Dopo aver frequentato il Liceo Linguistico a Fiumicello (UD), Giulio ha studiato al College del Mondo Unito in New Mexico, per poi frequentare l’Università di Cambridge.

All’Università di Cambridge si occupava di Development Studies, ovvero gli “studi sullo sviluppo” delle culture: questo lo ha portato poi ad approfondire gli studi di lingua araba, e di conoscere la realtà storico-politica dell’Egitto. E proprio lì, dove stava ultimando la fase di analisi per il suo Dottorato di Ricerca, la sua vita si è interrotta. Voleva approfondire gli aspetti economico-sociali del Paese e quindi anche quello dei sindacati.

“Troppe testate nazionali ed internazionali, parlando di sindacato non governativo, hanno fatto confusione tra lavoro sul sindacato e attivismo politico” precisa la signora Paola.

Perché Giulio sentiva le urgenze, le priorità, sin da adolescente, come raccontano Michela Vanni e Bruno Lasca. Un ragazzo che ha fatto della libertà di pensiero la sua guida.

“Giulio continua a fare cose” è la frase che riecheggia da questo intenso incontro, per far capire come il sogno di una cittadinanza attiva auspicato da Regeni si stia attuando: a tal proposito è stato presentato, infatti, il Governo dei Giovani. Una sorta di Consiglio Comunale dei giovani di Fiumicello, cui anche lo stesso Giulio fece parte, che collabora anche con associazioni di portata nazionale ed internazionale.

Il Governo dei Giovani sente fortemente la responsabilità di portare avanti gli ideali di pace e di diritti umani. Un’esperienza simile, anche se coinvolge una fascia d’età più alta, c’è anche qui a Jesi. L’assessore Butini conferma di essere ulteriormente stimolato a portare avanti questo progetto.

“Così, dall’esempio di Fiumicello, anche Jesi ora fa parte del Popolo Giallo”, afferma Bruno Lasca, orgogliosamente jesino. Il colore giallo, che è simbolicamente diventato la rappresentazione per la lotta ai diritti umani, nasce dall’ Associazione Amnesty International. Sul palco il vice-presidente Paolo Pignocchi ha affermato: “Giulio continua a fare cose, e noi non toglieremo questi braccialetti finché non ci sarà verità e giustizia” riferendosi ai braccialetti dell’Associazione che portano l’hashtag #veritàpergiulioregeni.

Numerose saranno le iniziative in programma da parte dell’associazione affinchè il Popolo Giallo cresca, così come la scorta mediatica pretesa per scoprire la verità sul caso Regeni.

“In realtà Giulio è nostro figlio, nipote, amico. Non pensiamo che le cose che accadono siano sempre lontane: colorarsi di giallo significa lottare per tutti.” –sostiene Michela Vanni. Perché, come ha voluto concludere il signor Claudio Regeni, poco si fa da soli, insieme forse si riesce a costruire qualcosa.

A cura di Giovanna Borrelli

 

 

 

1 Commento su Jesi “popolo giallo” per Claudio e Paola Regeni

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.