Jesi, storia e segreti dell’antico ghetto ebraico medievale

JESI – Un tunnel che partiva dai sotterranei dell’antica sinagoga in vicolo Fiorenzuola per raggiungere piazza Mercantini, fuori dalle mura; quattro porte che delimitavano il quartiere ebraico (alcune ancora oggi ben visibili all’interno del centro storico jesino) in vicolo del Ginnasio, piazza Indipendenza, vicolo Guglielmi e via Conti; case e palazzine che si sviluppavano per altezza, per contenere il numero più elevato possibile di una popolazione in crescita; botteghe che si affacciavano sulla strada.
E’ il ghetto ebraico di Jesi raccontato ieri in un convegno sul tema a Palazzo Pianetti dalla ricercatrice e storica dell’arte Maria Cristina Zannotti, in occasione Giornata Europea della Cultura Ebraica, evento organizzato dal Comitato Residenti Centro Storico: “Gli ebrei erano presenti a Jesi già dal 1200 ed erano marrani, ebrei provenienti dalla Penisola iberica (sefarditi)”.

Di fatto, anche l’ingresso dell’antica sinagoga, ancora oggi ben visibile in vicolo Fiorenzuola, è in stile tipicamente sefardita.

Il portone dell’antica sinagoga

“Gli ebrei rimasero a Jesi fino al 1650: dopodiché, vista la difficile convivenza con la popolazione locale, lasciarono per sempre la città e si trasferirono a Senigallia, per non tornare più”.

L’interno dei locali dell’ex sinagoga, con le volte quattrocentesche

Secondo quanto riportato dalla Zannotti, la forte impronta della Chiesa cattolica, le differenze culturali e le spiccate doti ingegnose che portarono gli ebrei ad arricchirsi e a ricoprire posizioni di potere, soprattutto nell’alta finanza, complicarono i rapporti tra le due comunità.

“Il mercato del mercoledì è presente a Jesi dal 1588, fortemente voluto dagli ebrei perché il sabato non lavoravano – racconta la Zannotti – Altro di loro è rimasto ed è ben visibile ancora oggi nel quartiere che ruota intorno a vicolo Fiorenzuola, delimitato e circoscritto all’interno di quattro porte, pronte a chiudersi per proteggere la popolazione dai pericoli esterni, come invasioni o malattie contagiose”.

 

Chiara Cascio

3 Commenti su Jesi, storia e segreti dell’antico ghetto ebraico medievale

  1. Grazie! Molto interessante. Non ho mai sentito che i ebrei partivano volontariamente di un paese per non tornare mai piu. Di solito venivano espulsi o uccisi…

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.