Matt Cancelleria

La Jesina ridotta in nove affonda al “Carotti” sotto i colpi del Castelfidardo: 0 – 2

JESI – Peggior debutto per Francesco Bacci sulla panchina leoncella non ci poteva essere.

La sua Jesina, infatti, perde la quarta partita casalinga al cospetto di un Castelfidardo spietato, che ha saputo approfittare della sbandata dei padroni di casa, innervositi da alcune decisioni arbitrali, per infliggere loro due colpi mortali.

Prima con Minella (72’) di testa e, poi, a stretto giro di posta, con Montagnoli  (76’) – subentrato nella ripresa a Calabrese – che ha insaccato con una rasoiata a fil di palo.

Ma ci sono un prima e un dopo da mettere sul piatto di una bilancia che, comunque, ha finito per pendere sempre dalla parte dei fidardensi.

Prima: la traversa colpita da Gremizzi  (31’), direttamente su calcio di punizione dal limite e i due rigori reclamati da Pierandrei al 58’, per un contatto in area con Borgese, e quello al 63’ quando da solo di fronte all’estremo  Bottaluscio è stramazzato a terra dopo un contatto con Ghiani. Proteste e proteste sinché per una parola di troppo rosso diretto a D’Alessio che lasciava la Jesina in 10.

La squadra dell’ex Vagnoni fiutava l’opportunità ghiotta e non si faceva pregare a sfruttarla, insaccando due volte nella rete difesa da Bolletta.

Dopo: nervi a fior di pelle e per un intervento scomposto a centrocampo (77’) di Magnanelli su Pigini, lo jesino era costretto, anche lui per rosso diretto, a prendere la via degli spogliatoi.

A quel punto, con i leoncelli ridotti in 9, i giochi erano finiti.

E dire che, dopo una partenza timorosa, la Jesina aveva organizzato meglio il suo gioco nel primo tempo, anche se gli ospiti avevano tenuto di più la palla rendendosi pure pericolosi con Trillini (22’) e Grazioso (37’). Con nel mezzo (23’) una botta dal limite di Pierandrei, su assist di Trudo, che costringe Bottaluscio all’intervento di pugno.

Poi, quello che non ti aspetti. Almeno nei termini in cui il risultato è maturato.

Da registrare il rientro di Carotti, il nuovo acquisto D’Aprile in panchina e la contestazione dei tifosi della curva, a inizio gara, che hanno lasciato vuoti i loro posti  per  10 minuti esponendo uno striscione che recitava: “Società meriti questo” e, una volta rientrati, un altro messaggio, “Polita vattene”.

Ma più che di partenze, ora come ora, servirebbero altre entrate. Di giocatori.

JESINA – CASTELFIDARDO 0 – 2

Reti:  Minella (C, 72’), Montagnoli (C, 76’)

Jesina – Bolletta; Silvestri  (Giovannini 75’), D’Alessio, Carotti, Gremizzi; Giorni, Cameruccio, Magnanelli, Pierandrei; Trudo, Zannini ( Anconetani 55’). A disposizione: Tavoni, Calcina, Serantoni, Aprile, Scudiero, Carnevali, El Harrati. All. Francesco Bacci

Castelfidardo – Bottaluscio; Massi, Ghiani, Trillini, Borgese; Giovagnoli, Mantini (Bordi 77’), Pigini, Calabrese (Montagnoli 64’); Grazioso, Minella. A disposizione: Selvaggio, Di Natale, Di Sabato, Mihaylov, Giannantonio, Savino. All. Roberto Vagnoni

Arbitro – Fabiano Simone di Bologna, coadiuvato da Fernando Caviano e Pietro Pascali di Bologna

Note:  spettatori circa 400, espulsi  D’Alessio (J, 63’) e Magnanelli  (J, 77’), ammoniti Trudo (J, 35’), Gremizzi (J, 50’)

Pino Nardella

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.