Matt Cancelleria

Legalità: “Ricci, Falcone, Borsellino…non eroi ma persone con il senso del dovere”.

STAFFOLO – E’ una giornata di forti emozioni quella vissuta oggi a Staffolo, con il teatro Cotini pieno di studenti a ricordare Domenico Ricci, caposcorta di Aldo Moro, ucciso nell’agguato di via Fani. In questa giornata della legalità, fortemente voluta dall’Associazione Domenico Ricci e dai Comuni di Staffolo e San Paolo di Jesi, dall’associazione nazionale Carabinieri con la collaborazione della Proloco, hanno portato la loro testimonianza il Comandante Alfa, pseudonimo sotto il quale si cela dal 1977 uno de fondatori del Gruppo di Intervento Speciale GIS dei Carabinieri, Elisabetta Melotti Procuratore Capo presso la Procura della Repubblica di Ancona e Francesco Mongiovì Sovrintendente della Polizia di Stato in servizio presso la Questura di Palermo. Hanno raccontato la loro vita, intesa e rischiosa, ma sempre al servizio dello Stato, puntando l’attenzione sul tema “Per difendere la legalità: il senso del dovere dei servitori dello Stato nel 25° anniversario del sacrificio di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e delle loro scorte”.

Il comandante Alfa ha raccontato l’addestramento, le azioni, i valori ed momenti più intensi della sua lunga carriera nelle forze dell’ordine, 39 anni vissuti <sempre con determinazione e gioia, senza mollare mai – dice il comandante – lo stesso augurio che faccio a questi ragazzi, di andare avanti per la propria strada senza demordere perché tutti gli obiettivi sono raggiungibili>. Poi, tra aneddoti, il ricordo della prima pericolosa missione nel 1980 e qualche battuta nell’invitare gli studenti a venire a visitare la base del Gis in Toscana, il comandante ha presentato il suo ultimo libro “Io vivo nell’ombra”, sua seconda fatica editoriale autobiografica dopo “Cuore di rondine”. Parte degli incassi della vendita saranno destinati al reparto di Oncologia pediatrica di Castelvetrano. Interessante dibattito con il procuratore Melotti, che ha lanciato l’allarme contro la spettacolarizzazione dei fatti di cronaca e dei processi mediatici e nelle parole del Sovrintendente Mongiovì. <Sotto alla divisa siamo uomini, mariti, padri e non supereroi, con le nostre paure ma anche la certezza di dover fare bene il nostro dovere>. Toccante la testimonianza video del Direttore del quotidiano “La Repubblica” Mario Calabresi che ha parlato dell’importanza della memoria almeno quanto quella dell’impegno civile per cambiere le sorti del Paese. Un ricordo emozionante, a ridosso del 45simo anniversario dell’assassinio del padre, il Commissario Luigi Calabresi.

La giornata, condotta dal giornalista Andrea Brunori, ha visto anche la premiazione della scuola secondaria di Staffolo per il video “La primavera della legalità” e l’apertura della mostra fotografica sugli anni di piombo in Italia “Dettagli di memoria”. <Onoreremo dei servitori silenziosi e umili, rispettosi delle istituzioni democratiche in cui credevano fermamente uccisi o feriti dal terrorismo degli anni di piombo o dallo stragismo mafioso, eroi del quotidiano che ci hanno permesso di vivere oggi una vita democraticamente più sana>, spiega Giovanni Ricci, primogenito di Domenico Ricci e fondatore dell’Associazione che porta il nome del padre, <queste persone hanno voluto fare della legalità il sogno della propria vita, un sogno che non si è spezzato con la loro morte ma continua ad esistere perché come diceva Giovanni Falcone: “Gli  uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini”>.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.