Matt Cancelleria

“RisorgiPeppe” , l’evento in musica per dire no alla Torre Erap

JESI – Cittadini che si mobilitano per difendere un’idea o una parte di città in tempi di esasperato individualismo e di indifferenza per i beni comuni sono cittadini che non solo hanno già vinto, ma a cui si deve profondo rispetto. È con questo spirito che si è svolto ieri l’evento di protesta contro la costruzione della Torre Erap di via Tessitori, chiamato “RisorgiPeppe”, rassegna musicale a sostegno di una riqualificazione condivisa e sostenibile dell’intero quartiere S. Giuseppe.

In tanti ieri all’evento che, organizzato in collaborazione con ARCI Jesi-Fabriano, Centro Studi Libertari Luigi Fabbri, Comitato Parco del Granita, Coordinamento No Torre Erap, Jesi In Comune, Laboratorio a sinistra, Libera-presidio di Jesi, MeetUp-spazio libero Jesi e Valvolare, prevedeva una serie di esibizioni di gruppi musicali dalle ore 17.30 alle ore 23.30, al Centro Sociale “L’incontro” di via Tessitori, dove è prevista la realizzazione della nuova palazzina a sette piani.

In apertura una Jam Session. Sui due palchi allestiti per l’occasione, si sono poi alternate le diverse band musicali, le quali hanno proposto diversi temi sociali e storici: si è passati così dalle canzoni sulla liberazione e sulla resistenza, sulla battaglia per la giustizia e la libertà, alle tradizionali canzoni popolari delle “filandare” jesine, o ancora canzoni che parlavano del fenomeno dell’emigrazione, filastrocche per bambini, l’anarchia, l’inchiesta che viene dal basso e così via. Temi di impegno e disimpegno insomma, in un clima che ha coinvolto tutto il quartiere di S. Giuseppe e non solo. Una vera e propria festa.

Nel corso del pomeriggio, tra un’esibizione e l’altra, si sono intervallati brevi interventi dei rappresentanti di ogni associazione organizzatrice.

Nello specifico è stato più volte ribadito come “il fenomeno di cementificazione della Torre Erap non sia un processo di arricchimento ma anzi di disagio per gli abitanti del quartiere, che si vedono oltretutto anche trattati in modo diverso rispetto alle soluzioni messe in pratica da questa Amministrazione comunale con il complesso Sant’Agostino, ribaltando le scelte precedenti”.

Si è anche parlato di un maggiore controllo democratico, dove l’Amministrazione possa mettere in chiaro ai cittadini le proprie intenzioni, ascoltando l’opinione pubblica di chi abita nella zona di interesse: “La Torre Erap non va costruita né a San Giuseppe né altrove perché Jesi non ha bisogno di altro cemento. Sono idee dettate dal buon senso e seppure non sono condivise, in democrazia ci deve pur essere spazio per le opinioni di tutti”.

Le esibizioni delle band e ad altri interventi sono poi proseguiti fino a tarda serata, contornati dagli stand gastronomici per la raccolta fondi a sostegno di future iniziative contro la realizzazione della Torre.

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.