Luci accese sul canile, Gregori (Lega): «L’educazione al rispetto deve partire dalle scuole».

JESI – Le luci sul canile non si sono affatto spente. A dirlo è la consigliera Lega Jesi Silvia Gregori che afferma di star lavorando già da una settimana, in collaborazione con il personale del Comune, per capire come poter migliorare la sfortunata condizione di questi piccoli amici.

La consigliera si dice contenta che «grazie alla Lega, altri gruppi politici, evidentemente in cerca di consensi, si vadano finalmente accorgendo che esiste anche il canile».

Dato in gestione dal Comune alla ditta Keraton e alla associazione onlus I Miei Amici degli Animali onlus, la struttura come da visura camerale appartiene alla ASL n.5  che pertanto è chiamata ad adempiere ai disservizi che si sono riscontrati poco tempo fa: «Oggi i problemi sono rientrati, a quanto pare, anche se ancora ci sono diverse cose da mettere apposto che riguardano la “normale manutenzione”  – fa sapere la Gregori –  Attualmente il canile di Jesi conta quasi 70 cani suddivisi con il sito di Moie denominato “Il Rifugio».

Come da dati indicati questo affidamento ha per la ditta incaricata alla gestione anche un valore degno di nota, così suddiviso nello specchietto:

«La cosa che emerge subito è che la nutrita colonia felina che è ospitata nel casolare davanti al canile  non sta ricevendo finanziamenti come previsti da legge ma è totalmente a carico dei volontari che operano all’interno del canile – aggiunge la Gregori –  La Regione Marche con una legge nel 97 ha disciplinato la creazione obbligatoria da parte del comune  di oasi  feline – dotate di strutture in legno adeguate, energia elettrica ed acqua corrente – dove vengono inseriti gatti che, per problemi fisici, non possono permanere nelle colonie».

La consigliera della Lega aggiunge: «Si parla tanto di valori, di Umanità, pertanto mi sento di ricordare che anche gli animali sono esseri senzienti e hanno diritto alla vita e ad un’esistenza felice come ogni essere. Credo per questo sia opportuno fare campagne di sensibilizzazione nelle scuole, ad iniziare dalle elementari, contro il maltrattamento degli animali che avviene non solo con il loro abbandono ma anche con sevizie vere e proprie».

A tal fine la consigliera presenterà all’Amministrazione un progetto educativo per le scuole, con l’obiettivo di sensibilizzare le nuove generazioni al rispetto dell’ambiente e degli animali.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*