Matt Cancelleria

Maiolati in festa per San Martì alla scoperta delle bellezze e sapori del borgo

MAIOLATI SPONTINI – Sono giorni di festa a Maiolati Spontini dove da venerdì è in corso “Maiolati a San Martì”, una tre giorni nello splendido borgo medievale, accompagnati dal buon vino, dalla gustosa cucina tradizionale, dalle bancarelle, dalla musica, dalle mostre e da tante occasioni di svago ma anche culturali.

In tanti già da venerdì per la serata con i “CaPaBrò” e Dj Tommy fino a tarda notte. Ieri, dalle 16, il centro si è animato con il mercato di San Martì, mentre a garantire il divertimento il gruppo folk La Damigiana e i “Desaritmia”, seguiti dal Dj Marco Polverini.

Oggi (domenica 12 novembre) la festa inizia alle 10 con il mercato, la possibilità di pranzare negli stand, l’intrattenimento per i bambini con Gino lo Struzzo e il laboratorio di treccine. Nel pomeriggio la musica inizierà con i “Re-Ciclato”, per concludere con il gruppo “G.F. Mamglasond 1789”.

Sarà aperto al pubblico anche l’Archivio Biblioteca Museo Gaspare Spontini, che raccoglie le testimonianze e i cimeli del grande compostore maiolatese. Il museo sarà visitabile (costo del biglietto 3 euro) nei seguenti orari di ingresso: 16, 17 e 30 e 19.

Nelle bancarelle di prodotti enogastronomici e negli stand si potranno gustare i frutti di stagione, le castagne e il vin brulè, oltre ai piatti tipici della tradizione gastronomica marchigiana: si va dalla polenta alla crescia e alla bruschetta, dalle tagliatelle al sugo di papera alle pappardelle con cinghiale e gnocchi al tartufo, dal coniglio in porchetta alle costarelle, dalle ciambelle di mosto con nutella fino ai tantissimi dolci caserecci.

Ma non solo. Quest’anno ad arricchire la manifestazione ci sono anche diverse mostre: quella fotografica del Fotoclub EffeUnoPuntoUno dal titolo “Il silenzio della fotografia”, allestita nell’ex Casa delle fanciulle, la mostra “La foto si fa getto di colore, lo spazio un punto”, con le opere in acquerello dell’artista Anahita Abutorabi, in collaborazione con Anahita Hoseinpour Dowlatabadi, le cui fotografie, dai paesaggi d’Italia, sono riprese in quadri in acquarello, e la mostra di presepi tradizionali “L’angolo del pensiero” di Massimiliano Montironi.

A rendere speciale l’atmosfera che si respira a Maiolati Spontini hanno contribuito anche i tanti residenti che hanno offerto la propria collaborazione addobbando singoli ambienti o angoli del centro storico, oltre all’allestimento a tema presso la terrazza di pertinenza della Casa delle Fanciulle, curato dai ragazzi della scuola secondaria di primo grado di Moie.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.