Matt Cancelleria

Mariya, cresce l’angoscia. La madre: «Indossava lenti giornaliere, ora potrebbe non vederci»

CUPRAMONTANA – Sono trascorsi ormai tre giorni dall’ultimo avvistamento di Mariya Iskra, la 19enne di Cupramontana scomparsa domenica scorsa. La ragazza si era allontanata a piedi da casa, senza documenti, soldi e cellulare, intorno alle 16 del pomeriggio. Poi più nulla. Solo un avvistamento al Luna Park del paese, da sempre allestito in questo periodo dell’anno. Ieri, i cani molecolari del soccorso alpino si sono fermati in un punto presso l’incrocio nei pressi del Consorzio, lungo la Nazionale: un dettaglio che avrebbe indotto le squadre di ricerca, guidate dai carabinieri della stazione locale, ad ipotizzare che da lì sia salita a bordo di un’auto. Non è dato sapere se spontaneamente o meno. Nelle ricerche di ieri, coinvolta anche la squadra di Unità cinofile da Soccorso di Jesi.

Intanto al 112 arrivano segnalazioni di avvistamenti a Jesi, Monte Roberto, Moie ma anche Arcevia e Civitanova: difficile però per i carabinieri, guidate dal maresciallo Luca Martarelli, verificare la veridicità in quanto la ragazza non è rintracciabile da dispositivi mobile. Questa mattina gli investigatori hanno chiesto alla Polizia municipale le immagini di videosorveglianza della Stazione ferroviaria di Jesi e vie limitrofe per verificare se la ragazza abbia deciso di allontanarsi in treno.
Contemporaneamente, le squadre di ricerche si sono spostate fino ai territori a confine con i paesi limitrofi, tra cui Apiro, ma senza alcun risultato.

La mamma, intervistata per la Vita In Diretta,  non perde la speranza ed è convinta che Mariya sia viva. A preoccuparla però il fatto che la figlia – cui manca 4 gradi di vista – sia uscita di casa senza prendere gli occhiali, ma solo con le lenti a contatto: “Non può indossarle per più di 24 ore. Questo significa che era uscita per una passeggiata”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.