Massimiliano Lucaboni: “ Io ci sono ancora nonostante la débâcle, perché la politica è passione”

JESI – Il dado ormai è tratto. E, forse, lo era già prima di mettersi a “giocare”. Sindaco e 24 consiglieri sono stati proclamati eletti. Chi non è riuscito a entrare per la porta principale – candidati a primo cittadino – lo ha fatto per la finestra. E comunque è dentro.

Ma tra questi chi è rimasto al palo è lui, Massimiliano Lucaboni, ormai ex coordinatore cittadino di Forza Italia, presentatosi con la civica di centrodestra – sua “invenzione” da FacebookLibera Azione.

Matematica: 226 voti, 1,25%. Tipo: non ci resta che piangere.

Rode Lucaboni, rode un po’?

Assolutamente sì – risponde –  e altro che un po’. Tantissimo. Anche se negli ultimi giorni di campagna elettorale sondaggi e sensazioni voltavano al peggio. Ma si impara da tutto. Cadere è umano ma bisogna avere la forza di risollevarsi”.

E lui appena caduto, non ci ha pensato un attimo: dimissioni da forzista principe cittadino. Un’ora, due, tre ore dopo? Macchè:  “Non sono passati che una manciata di secondi da quando ho visto il risultato. Forza Italia, intendo iscritti e simpatizzanti, aveva chiaramente optato per un’altra scelta e, quindi, non potevo continuare a rappresentarli”.

Ma c’è modo e modo nel ruzzolare e per Lucaboni “anche quello delle dimissioni è un gesto che ha una sua nobiltà. Rispettare chi ti vota è importante quanto il rispetto verso chi non lo fa”.

E adesso che succede?  Da Libera Azione a libero uomo?

Libera Azione rimane come pagina Facebook , lì continueremo a raccogliere critiche e proposte degli jesini. Sai, libero lo sono sempre stato. Oggi lo sono un po’ di più”.

Un impegno declinato in modo diverso da quelle che erano le sue aspettative ma che continua, comunque.

La politica è passione e le passioni bruciano sempre dentro e non muoiono mai. In campo resto, ci mancherebbe, per dare voce a chi non si sente rappresentato da questa Amministrazione. Non va dimenticato che alle urne si sono recati poco più del 50% degli aventi diritto al voto e Bacci è stato votato da meno di 5 jesini su 10. Questo, ovviamente, nulla toglie al suo successo ma è un dato di cui bisogna tener conto”.

Sì, però, il dato di Libera Azione, allora….
“Eravamo presi in una morsa tra Bacci da una parte e la Lega dall’altra. E il nostro messaggio non è arrivato”.

E pensare che Lucaboni aveva dichiarato più volte durante i dibattiti a sei – candidati  – che hanno scandito la campagna elettorale, come questo periodo fosse uno di  momenti più belli della sua vita.

A posteriori chissà se lo pensa ancora. Basta chiedere.

“Non cambio idea, il contatto con le persone è linfa vitale per chi fa politica, al di là del consenso. Sicuramente mi ricandiderei. Fin dall’inizio l’idea era di presentarsi in una lista come candidato consigliere. Non è stato possibile e ho scelto l’altra opzione, quella della civica di centrodestra. Sarebbe stato sciocco rimanere in panchina, perlomeno non tentare. Non va dimenticato che i miei 226 voti sarebbero stati sufficienti per entrare in Consiglio. Ci penserò tra 5 anni”.

Ma, intanto, i “tuoi” come l’hanno presa?

“Molto sostegno da tutti. Mia madre, dispiaciutissima, mi ha iniziato a coccolare come quando ero bambino. Mia figlia, come sempre, è la più sobria di casa: ci riproveremo – mi ha detto – il  peggio è per loro”.

Ma tra quei loro che sono stati eletti una simpatia c’è, da drink sotto l’ombrellone, vista la calda stagione, ed è “Samuele Animali. Abbiamo già bevuto insieme, qualche giorno fa, per scambiarci qualche opinione. Sono convinto che sarà un buon consigliere di opposizione”.

Alla prossima allora, anche perché, sostiene Lucaboni, citando “Non lasciare mai che la paura di perdere non ti faccia partecipare alle battaglie giuste”.

Pino Nardella

1 Commento su Massimiliano Lucaboni: “ Io ci sono ancora nonostante la débâcle, perché la politica è passione”

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.