Matt Cancelleria

Medico jesino scrive a Ceriscioli: «Sanità gestita in maniera inconcepibile»

JESI – Il dottor Franco Iantosca, dirigente dell’Ospedale Murri di Jesi, responsabile del Servizio di Gastroscopia ed endoscopia digestiva, scrive e spedisce una lettera al presidente della Regione Ceriscioli e nella quale evidenzia alcune carenze irrisolte della Sanità jesina e non solo e le criticità della quotidianità. La riportiamo per intero:

“Gentilissimo sig. Presidente dott. Luca Ceriscioli,

chi Le scrive è Franco Iantosca, medico presso l’Ospedale di Jesi e credo si ricordi di me. Le scrissi in data 11/03/2016 per farle presente alcune problematiche della sanità delle Marche, che Lei aveva promesso di risolvere, dopo aver avocato a sé l’assessorato alla sanità. Ho avuto anche un incontro con Lei e la dott.ssa Nadia Storti in data 07/04/2016 ore 15,15. In quella sede ebbi modo di ricordarLe e ribadire i problemi che avevo precedentemente fatto presente anche attraverso alcuni comunicati stampa (che suscitano un certo fastidio nei politici, chissà come mai). Lei gentilmente mi ha ascoltato ma, a pensarci bene, mi sembra non abbia sentito! Perché quei problemi non solo non son stati risolti anzi sono peggiorati. Le ricordo questi problemi quotidiani? Sono sempre gli stessi: personale deficitario, tecnologie, liste d’attesa, posti letto, pronto soccorso, l’incolumità dei medici ed infermieri, i quali si trovano in trincea e spesso subiscono la rabbia degli utenti che viene scaricata sulle loro spalle, senza che nessuno li difenda! Fondi per i diversamente abili, la legge 194/78 eccetera eccetera. E’ bello parlare di una sanità che funziona: Le faccio un esempio. Il famoso Valentino Rossi è stato operato entro 36 ore dall’incidente, e anche di notte! Di questo fatto vi siete tutti riempiti la bocca, ma se al suo posto ci fosse stato un paziente qualsiasi avrebbe avuto lo stesso trattamento? La stessa risonanza mediatica? Non si può agire per gli amici e per gli amici degli amici con trattamenti ed interventi altrimenti soggetti a lungaggini. Lo sa, vero, i politici cambiano e i nostri problemi rimangono aggravati, creati dalla vostra politica/non politica e ricadono sui pazienti e su di noi. Poi sotto le elezioni venite a raccontarci favole e roboanti programmi che si rivelano bolle di sapone! Io oramai sono alla fine del mio percorso fatto con dignità, certo non senza errori, ma tenendo sempre presente il giuramento di Ippocrate ( ma è un giuramento che conoscono pochi ahimè!). A tutt’oggi mi mancano 267 giorni e andrò via con 40 anni effettivi di lavoro, a 69 anni di età e con 47 anni di contributi ma sono contento perché ho fatto un lavoro che ho amato nel bene e nel male, ma sono anche contento di andare via ( forse voi più di me!) perché questo modo di gestire la sanità non è concepibile. So anche che Lei ha dato la delega della sanità al dott. F. Volpini il 23/08/2017 e siccome sono convinto che seguirà la stessa politica non cambierà nulla. Nella certezza che questa mia lettera verrà filtrata dalla sua segreteria, Le anticipo che la invierò per conoscenza agli organi di stampa”.

Distinti saluti

Franco Iantosca”

12 Commenti su Medico jesino scrive a Ceriscioli: «Sanità gestita in maniera inconcepibile»

  1. Mi spiace tiri in ballo ka vicenda di Valentino Rossi perché sono profondamente convinta che la sua equipe, voluta dagli sponsor, per cui il pilota è pura merce che deve rifunzionare entro breve termine, sono certa abbia pagato grosse cifre a Torrette per l’uso di quella struttura è che questa sia stata utilizzata di notte proprio per evitare conflitti con chi era in lista di attesa. Quindi tutt’altro dalla semplificazione con cui viene presentata, apre scenari forse anche peggiori del “Lui ha i soldi e può”

  2. Anche Fabriano ha problemi di lunghe attese per una visita di urologia me l’hanno spostata tre volte sono passati sette mesi e la volevano ancora spostare dopo forte contestazione mi hanno inviato ad Osimo per un eco cuore dopo lunga attesa spedita a Senigallia per un eco tiroidea Civitanova per una visita oculistica a Cingoli per le spese di viaggio caro presidente chi ci rimborsa? L’Ospedale di Fabriano ha una struttura migliore forse sarebbe il caso di vedere e privcedere cosa realmente manca

  3. …ringraziare il Dott. Iantosca , direi che è un reato, ho fatto tempo fa una gastroscopia, con perdita di sensi a seguito e rianimazione, senza considerare la possibilità di aver compromesso le corde vocali!!! Ricordo un’amica infermiera prima di iniziare l’esame mi disse: BUONA FORTUNA!!!!! …e una sua collega finito l’esame mi disse: Paolo avevi perso i sensi, che vuoi farci è un macellaio!!!!

  4. Complimenti dottore e Grazie per aver parlato per tutti noi cittadini delle Marche. Purtroppo, come lei ha già supposto, con Volpino non cambierà niente, vanno a braccetto e le uniche cose di cui si preoccupano è il bilancio è la poltrona.

  5. Bravo dottore, purtroppo la sanità e i servizi sono gestiti fa politici ignoranti della materia e interessati solo a mantenere la poltrona, dimenticando i problemi della gente comune che è costretta a lunghe file di attesa
    Chi non può permettersi le visite a pagamento fa prima a morire , poi qualcuno si riempie la bocca parlando di prevenzione.

  6. Leggere questa lettera fa venire i brividi se fossero tutti come lei ….sicuramente non ci troveremmo in questa situazione …… Grazie anche se purtroppo oggi si è persa ogni speranza sull’ onestà

  7. ma questo muro di gomma come scrive la Paola , può costare molto alla prox tornata elettorale, perché chi come me ha votato a sin da sempre, può anche stancarsi eh…io sono un dirigente medico che trova molto disdicevole, diciamo così, il fatto di intrusioni o cmq sinergie tra Santo Stefano che ha sponsorizzato la sua campagna elettorale, e diverse attività professionali di riabilitazione che noi dipendenti incontriamo gestiamo e ogni giorno organizziamo, tipo il progetto del nuovo ospedale di amandola, regalato dall’istituto di cui sopra…lo trovo imbarazzante, caro Ceriscioli, e come si fa a non esserlo, solo lei non prova imbarazzo…non dico che all’interno dove vengono a tagliare nastri e presentare progetti, non aggiungo che in 25 km tra sarnano e comunanza, amandola di mezzo, ci sono ben tre aree vaste, macerata e fermo ed ascoli, e chissà che offerta di specialistica, ad esempio, possiamo sommare o diminuire o sinergizzare se non mettiamo assieme tre capi o tre teste, dovrei dire tante cose, ma io che non sono apicale, non posso più di tanto parlare…il collega almeno ha voce, io so sfiatato, amen, tra due mesi me ne andrò in pensione, come sempre e da sempre accorato dall’essere diretto da prof. di matematica, commercialisti, sociologo e psicologa già sperimentati al distretto come direttori, …prima vorrei chiedere a chi è venuto in mente di costruire una RSA in territorio sismico a strapiombo con sistema a palafitta di piloni di cemento sul greppo di roccia a sperone in quel di amandola??? forse volevamo inaugurare una residenzialità ortopanoramica con miramonti da offrire all’ultimo sguardo…???infatti il sisma l’ha completamnete resa irrecuperabile e la procura ha attivato indagini, a soli tre anni dall’inaugurazione di un certo spacca in pompa magna pure…

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.