Matt Cancelleria

Nel cuore del conflitto, un libro da leggere e rileggere

JESI – Nel cuore del conflitto siamo ogni giorno, oggi più che mai. Ne indaga le radici e le implicazioni Alessandro Pucci nel suo ipnotico saggio, che scorre agile come il pensiero, tanto è lucida ed efficace la sua prosa. Come scrive il prof. Roberto Mancini, ordinario di filosofia teoretica all’università di Macerata nella prefazione, quello di Pucci non è il libro di un accademico ma di una persona che pensa, si interroga e prova a dare la sua interpretazione della realtà. Nel muovere dalle contraddizioni e i conflitti dell’individuo, Pucci mette a nudo la condizione umana rispetto al mondo che la circonda, in un lungo ed avvincente monologo, scandito in quattro capitoli. Dal conflitto sociale alla guerra come sua degenerazione sino alla speranza di pace, ciò che sorprende è la capacità di analisi, che sviscera la materia con disarmante lucidità e racconta l’uomo, di ogni tempo ed ogni luogo. Autopubblicato ma disponibile anche sulla rete, il libro di Pucci si fa leggere e merita di essere riletto, soprattutto da coloro che si rifiutano di accettare il mondo senza chiedersi mai il perché.

Marco Torcoletti

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.