Matt Cancelleria

Obiettivo Famiglia: “Le giovani casalinghe si vergognano di esserlo”

MOIE – Alla luce del dato Istat che ha annunciato il calo delle casalinghe con – 500mila in 10 anni, la presidente regionale di Obiettivo Famiglia Federcasalinghe Maria Elvira Conti Fabbri, sottolinea l’importanza della categoria trovandosi in pieno accordo su quanto dichiarato dalla presidente nazionale Federica Rossi Gasparrini.

“Questo dato significa che le casalinghe sono passate da 7.700.000  a 7.338.000. E’ però un dato falsato in quanto ci sono molte giovani che fanno le mamme a tempo pieno e si dichiarano invece studentesse, disoccupate o hobbyste. Ciò significa che c’è un numero molto alto di casalinghe che non dichiara di essere casalinghe. Secondo noi, e i dati che abbiamo sono abbastanza certi, le giovani dai 18 ai 30 anni non dicono, se non in casi rarissimi,  di fare le casalinghe, ma preferiscono dire che studiano o fanno altro. Il dato Istat, che è molto, molto importante, è falsato da tante giovani che si vergognano di dire di essere casalinghe. Purtroppo si vergognano non per colpa loro. – sottolineano la presidente nazionale Rossi Gasparrini e la presidente regionale Marche Conti Fabbri – perché in Italia il lavoro generoso di tanti milioni di donne viene discriminato in modo indecente”.

“Anni fa ci fu un imbroglio terribile a livello normativo. Fu un imbroglio perché nella norma di allora (1961) che annunciava la pensione alle casalinghe, non fu messo il collegamento con l’inflazione. Si erano iscritte molte donne a quel fondo pensione, ma fino a pochi anni fa, ad esempio, alle donne arrivavano solo 10 euro al mese. Quella legge produsse un disastro. Quella di oggi, che purtroppo deriva da quella, è ugualmente un disastro”. Anche su questo passaggio, la presidente regionale Conti Fabbri si trova d’accordo con la presidente nazionale Rossi Gasparrini.

“Queste donne non sono rispettate dalla politica. E su questo diamo soprattutto la colpa alle donne elette: non hanno fatto, e non fanno, niente. Per le donne parlamentari di adesso, ma anche quelle del passato, 8 milioni di donne che svolgono il loro lavoro all’interno della famiglia crescendo i figli, prendendosi cura degli anziani, gestendo l’economia riuscendo a far quadrare un bilancio familiare monoreddito è come se non esistessero: e questo è grave. Se le cose non cambieranno succederà che l’iniquità contro le casalinghe potrà diventare iniquità anche nei confronti di donne con un lavoro retribuito. Ammettiamo che una donna lavori 10 anni con un lavoro retribuito, paghi contributi e per un motivo venga licenziata o perda il lavoro: quei 10 anni di contributi non le verranno riconosciuti in nessun modo. E questa donna che è stata lavoratrice, che ha pagato i contributi obbligatori, si troverà come una casalinga e le verrà detto “tu non hai niente”.  Signori Politici fate una riflessione seria. Se non si difende il ruolo della famiglia, perdiamo tutti…

Altro grande problema “è che le donne purtroppo non sanno fare squadra. Vivono con molta intensità i problemi di ogni giorno, ma non fanno gruppo! Come associazione abbiamo vinto solo quando noi donne siamo state unite”. Un appello, va al Governo Italiano. “Fare finta di non vedere la povertà delle donne italiane, fa male. Poco importa se una donna viene chiamata ministro piuttosto che ministra Carissima Presidente Boldrini …questo non vale niente! Vale dare ad ogni donna la dignità di vedere riconosciuto che il proprio lavoro è utile e produce ricchezza per il Paese; magari potete copiare anche qualche normativa di alcuni  Paesi  Europei. Chi siede in alto deve dare  valore a tutti i cittadini. Quando una donna è povera è povero anche il suo bambino”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.