Operazione antiterrorismo, bloccati al porto tre individui sospetti

ANCONA – Nel pomeriggio di ieri 11 gennaio, i poliziotti della DIGOS della Questura di Ancona e della Polizia di Frontiera Marittima, nel corso di specifici servizi svolti nel porto dorico, predisposti dal Signor Questore di Ancona e mirati al contrasto del Terrorismo Internazionale e della  Criminalità Organizzata, hanno proceduto all’arresto del sedicente cittadino bulgaro B.M. di 40 anni ed alla denuncia in stato di libertà di due suoi connazionali, P.V. di 30 anni e B.M. di 32.

B.M., proveniente dal paese ellenico a bordo della motonave Superfast XI è stato sorpreso in possesso di documenti risultati falsi, e più specificamente di una patente ed una carta d’identità, apparentemente bulgare, e conseguentemente veniva arrestato in violazione alle normative vigenti sul Terrorismo.

Nel prosieguo dell’operazione di Polizia Giudiziaria, sono stati identificati all’interno dell’autovettura condotta dal predetto straniero, altri suoi due connazionali e sequestrato, occultato nell’abitacolo, materiale idoneo alla consumazione di reati predatori.

L’attività della Polizia di Stato, pertanto consentiva il sequestro di materiale: bombole di gas, cannelli di rame, trapani, batterie, ecc. ecc.; ed il fermo amministrativo dell’autovettura, utilizzata, nell’occasione condotta con falsa patente, scongiurando un sicuro assalto ai bancomat presenti nelle banche ed Uffici Postali, dislocati sul Territorio Nazionale.

Dalle notizie, successivamente apprese dal collaterale bulgaro, veniva confermata l’indole delinquenziale dei soggetti fermati, sconosciuti sino ad oggi in Italia.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.