Piazza Pergolesi, Andrea Pieralisi «Salviamo l’edicola». Al via raccolta firme

JESI – «Guai a chi tocca il monumento a Pergolesi e l’edicola delle Grazie. Sono pronto a combattere in ogni sede legale»: con queste parole l’imprenditore Andrea Pieralisi annuncia di avviare una petizione a tutela dell’edicola che, secondo quanto recentemente riferito dal sindaco Massimo Bacci, sarà rimossa ora che il permesso di occupazione del suolo è scaduto.

Andrea Pieralisi

E così, a poche settimane dall’avvio dei lavori di restyling che interesseranno la piazza, partirà una raccolta firme rivolta ai residenti di Jesi affinché l’edicola resti lì dov’è. «Da mercoledì mattina (17 gennaio) sarà possibile partecipare all’iniziativa in difesa dell’edicola firmando presso la Stazione di servizio L.M. di via Roma 123 o il negozio La Fiorentina in corso Giacomo Matteotti, 107 – spiega Pieralisi – Saranno sufficienti 50 firme per poter presentare la petizione al Comune. Credo che, in una settimana, riusciremo a raccoglierne molte di più di quelle necessarie». Secondo l’imprenditore, sono molti i cittadini contrari non solo allo spostamento dell’edicola ma anche al progetto di restyling della piazza che, tra l’altro, prevede l’arretramento del monumento:  «Un progetto assurdo per liberare la piazza e che ha ottenuto anche dei fondi europei. Ma se un’idea è brutta non è che per forza c’è bisogno di realizzarla – spiega Pieralisi – Va sicuramente mantenuto e abbellito il verde ma, passaggio fondamentale per recuperare spazio e e rendere la piazza più grande sarebbe liberare l’abside della Chiesa di San Nicolò dal palazzo ex-convento delle Giuseppine: spostare un monumento che sta lì da un secolo, rischiando di lesionarlo, non serve a nessuno».

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.