Shoefiti, la moda delle “scarpe volanti” anche a Jesi e in Vallesina

JESI – Si chiama shoefiti – meglio note come scarpe volanti – ed è  una “moda” che negli Usa impazza da più di dieci anni, da qualche anno è arrivata anche in Europa, in Italia e anche nella nostra Vallesina.

La pratica consiste nel legare tra loro i lacci di due scarpe e scagliarle in aria, in modo da farle restare appese ai cavi delle linee elettriche o telefoniche.

Il fenomeno prende il nome dall’unione delle parole “shoe” (scarpa) e “graffiti” e nasce nelle zone rurali e urbane degli Stati Uniti come manifestazione del folklore adolescenziale.
A differenza dei graffiti, il fenomeno non nasce come sintomo di protesta e, per questo, interessa anche quartieri non necessariamente caratterizzati da problemi sociali.

Shoefiti a Jesi

A Jesi, un paio di scarpe volanti sono ben evidenti in centro storico, sospese su un cavo all’angolo tra largo Saponari e via Petrucci. Spostandosi verso la Vallesina, il fenomeno è presente nella zona industriale di Castelplanio quasi fossero in volo sopra via Brodolini.

Shoefiti in via Brodolini, Castelplanio

Non è chiaro quale sia il significato di tale fenomeno: ognuno ha la sua teoria. Qualsiasi sia l’origine dello shoefiti, oggi chi lo “pratica” lo fa per celebrare una sorta di “rito di passaggio”. Un modo liberatorio per festeggiare una fase della vita come la fine dell’anno scolastico, per altri un modo per uccidere la noia , per altri ancora il congedo dal servizio militare.

Secondo sociologi, potrebbe trattarsi di persone spinte dalla volontà di creare interazione tra cittadino e città, di lasciare una traccia del proprio passaggio in una zona, con la stessa logica dei graffiti e degli stencil.

Chi.Ca.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.