Matt Cancelleria

Silvia Gregori, tanta voglia di Lega

JESI –  La Lega Nord, dunque, in Consiglio comunale. E non è che ci sia capitata così. Dietro c’è tutta una storia che si è iniziata a scrivere due anni e mezzo fa.

E a mettere mano a penna e calamaio, o alla tastiera se preferite, con grinta,  passione, il sapersi imporre agli occhi dei “suoi” e degli “altri”  è stata Silvia Gregori, leader cittadina del carroccio dal 16 gennaio 2015  “data che ricordo benissimo – dice – perché quel giorno movemmo il primo passo come partito qui a Jesi. E da allora è stata tutta una corsa senza fiato, sino alla costituzione delle liste e la recente campagna elettorale. Per non parlare di tutti i banchetti informativi organizzati lungo corso Matteotti”.

Un lunedì speciale, quello appena trascorso. Che segna un momento importante per la Lega: la sua prima volta in assise cittadina, nel nostro “parlamento”. E Silvia Gregori sarà lì a rappresentarla.

“Dico subito che in Consiglio comunale, sin dal primo momento, metterò sul tavolo sicurezza, integrazione, rilancio economico e distribuzione equa di quanto viene garantito agli extracomunitari – discriminazione al contrario – anche per i nostri concittadini nelle stesse condizioni. Basta con questo buonismo che non porta a nulla. Un problema se lo si rimanda non scompare ma finisce per divenire più grande. Come una valanga che precipita a valle e porta via tutto quello che incontra sul suo percorso”.

Questo il politico, diciamo, “duro e puro”. Ma la donna, le sue emozioni, la sua attesa?

“Ho avuto la certezza dell’elezione a consigliere comunale lunedì scorso, a metà mattina. Incominciavano ad arrivare i messaggi degli altri militanti della Lega che si congratulavano. Io ero ancora scettica, incredula, ma alla fine le 657 preferenze c’erano tutte. E’ stata una grande emozione. Ho pianto dalla gioia, ero da sola. Per chi fa politica con passione sacrificando tempo, spazio, vita, è il riconoscimento di tutti gli sforzi fatti”.

In tutto, qualcosa come circa trecento messaggi di congratulazioni “soprattutto da persone che si sentivano finalmente rappresentate. Ma anche da ex consiglieri di JesiAmo e da alcuni di quelli  eletti”.

Al riconfermato sindaco Bacci lei ha inviato un sms: “Complimenti Massimo per la strepitosa vittoria. In attesa di stringerti la mano ufficialmente sono felice che tu sia di nuovo Sindaco di Jesi”.

Insomma, avversari sì ma con buone maniere. La risposta? Non c’è ancora stata, però sono arrivate le congratulazioni del figlio, Alessandro.

Che tempo è stato sino ad ora per Silvia Gregori, glielo leggi negli occhi, prima che possa parlare perché si fanno attenti e scintillanti.

“E’ stato un tempo, due anni e mezzo, appunto, vissuto intensamente. Ne sono venuti fuori l’amore per la città, una grande crescita personale, la voglia di dar voce a chi non la pensa come chi ci governerà, in particolare dar voce al popolo della destra”.

E  Salvini? In predicato di fare un salto a Jesi e Fabriano, tutti a aspettarlo, amici e avversari, e lui che ti fa? Non si  fa vedere, impegnato soltanto al sud delle Marche. Un momento di arrabbiatura, si presume…

“Ovviamente la delusione c’è stata. Ma parlando anche con la dirigenza del partito mi è stato fatto notare di guardare all’altra faccia della medaglia, vale a dire che l’elezione va tutta a mio merito proprio perché non spinta dal leader. Nel ringraziare chi mi ha votato voglio affermare ancora una volta che il consigliere comunale è al servizio del cittadino e io mi sento proprio questo: un servitore del cittadino, sarò portavoce di chi  mi ha votato”.

E dove festeggi la tua elezione?

“Intanto vado al mare per rilassarmi dopo questi mesi intensi. Poi credo che me ne andrò in Slovenia, a Lubiana. Mi piace l’Europa centrale, mi sento molto mitteleuropea”.

Pino Nardella

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.