Matt Cancelleria

Stazione, nega sigaretta e straniero lo minaccia: “Ti taglio il collo”

JESI – “Hai una sigaretta?”. Come ha risposto no, è stato minacciato di morte e insultato: “Scopro dove abiti e ti taglio il collo”, poi il gesto di passare il dito sotto il mento, simulando una lama. Tutto questo è accaduto circa un mese fa ad Andrea Marconi, noto artista jesino che, per lavoro, prende spesso il treno per spostarsi: “Uno straniero mi ha minacciato di morte mentre, sceso dal treno, mi avviavo con la mia compagna verso casa. Era tardo pomeriggio, non faceva ancora buio… A sentir quelle minacce mi sono bloccato, ho preferito non rispondere e fortunatamente è finita lì…so solamente che il giorno dopo quell’ episodio, un uomo è stato pestato e malmenato per una sigaretta negata. La notizia è apparsa sulla stampa”.

Andrea Marconi

Il pittore jesino racconta a Password che, per chi fa il pendolare, attraversare la stazione, specie nelle ore serali, è un vero atto di coraggio: “Negli ultimi mesi mi è capitato di prendere il treno anche due o tre volte la settimana e ogni volta è la stessa scena degradante, con tanto di adescatrici, sopratutto rom, che offrono ai passanti prestazioni sessuali in cambio di una sigaretta o pochi euro, il tutto sotto alla luce del sole – racconta Marconi – Si scoprono, si tirano su la maglietta e ti seguono anche, con insistenza.  Indecoroso, sopratutto se ci sono dei bambini. Peccato perché tutto questo rovina ogni tentativo del Comune o dei privati di riqualificare la stazione, con interventi di miglioramento degli ambienti. Non è un luogo dove mi sento tranquillo”.

Infine: “Il mio vuole essere un monito per i cittadini che si recano in stazione di prestare la massima attenzione e un invito alle autorità e alle istituzioni, affinché si prendano provvedimenti per garantire sicurezza a chi viaggia”.

 

Chiara Cascio

2 Commenti su Stazione, nega sigaretta e straniero lo minaccia: “Ti taglio il collo”

  1. Le stazioni sono lasciate al degrado e soprattutto sta diventando pericoloso anche viaggiare in treno anche per i ragazzi che lo utilizzano per andare a scuola. Scene a dir poco pericolose sono capitate anche a dei ragazzi che conosco.Ma cosa fare se ti senti minacciato in treno? Secondo me sarebbe necessario ripristinare il corpo di polizia ferroviaria che dovrebbe circolare anche dentro ai treni.

  2. La stazione a Jesi non è via di riqualificazione così come tutta la zona circostante. É una zona lasciata al degrado e all’abbandono da sempre. Oggi ancora di più

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.