Matt Cancelleria

Strana rana di Antonio Lucarini: un libro che abbaglia

JESI – Turba e smarrisce, provoca rabbia e indignazione, appassiona e commuove. Sono solo alcuni degli stati d’animo suscitati da Strana rana. Opera prima di uno dei più originali protagonisti della scena teatrale marchigiana, il romanzo di Antonio Lucarini, edito da Le Mezzelane, narra il perdersi e il ritrovarsi di due amiche-nemiche. Dopo una adolescenza turbata dalle ipocrisie, familiari e del mondo che le circonda, Claudia e Lara si riconoscono nelle pazienti di un reparto oncologico. La forzata promiscuità sarà l’occasione per scavare nel passato e nei conflitti che hanno segnato le loro vite, a partire dalla gara di nuoto, i duecento metri rana di un campionato giovanile, che le ha allontanate. La ricerca, a tratti onirica, porterà le due donne a una sorta di identificazione e alla contestuale vendetta contro i simboli del loro crudele passato: la perfida tutrice di Lara, il compagno di Claudia e la cugina, eletta a simbolo del tradimento. Il senso della solitudine e della sconfitta si accompagna ad un’aspra denuncia dei falsi miti della società piccolo borghese dell’adolescenza delle due protagoniste. Ma la vicenda supera l’atto d’accusa generazionale e diviene archetipica della condizione umana. Non privo di riferimenti autobiografici, il libro di Lucarini scorre agile per il tramite di una prosa chiara e non priva di eleganza, capace di incollarti al testo e alle suggestioni che ne scaturiscono. In attesa di un seguito, difficile circoscrivere l’ambito di una poetica per questo primo romanzo che abbaglia e, come spesso accade nella vita, lascia aperti tanti interrogativi.

A cura di Marco Torcoletti

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.