Matt Cancelleria

Successo della quarta edizione di Libriamoci: 18 classi e 400 studenti

MOIE – Circa 400 studenti coinvolti, di 18 classi dell’Istituto comprensivo “Carlo Urbani”, e 22 genitori, che hanno letto ad alta voce storie ai bambini, non solo in italiano ma anche in inglese e spagnolo. Ha riscosso successo l’iniziativa “Libriamoci”, svoltasi da lunedì a sabato della scorsa settimana nelle frazioni Moie di Maiolati Spontini e Macine di Castelplanio. È un progetto, quello delle Giornate di lettura nelle scuole, promosso dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, attraverso il Centro per il libro e la lettura, e dal Ministero dell’Istruzione, attraverso la Direzione Generale per lo Studente, in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri e con il Ministero degli Affari Esteri. Un’iniziativa sostenuta, a livello locale, anche dall’Amministrazione comunale, tramite la biblioteca La Fornace di Moie, e dall’Istituto comprensivo “Carlo Urbani”.

Sono stati tre i filoni tematici proposti quest’anno, ai quali insegnanti e studenti si sono ispirati: Lettura e ambiente, Lettura e solidarietà, Lettura e benessere. L’obiettivo del progetto è trasmettere l’amore per la lettura e il suo insostituibile valore culturale e formativo. A Moie sono state sviluppare tutte e tre le tematiche. Sono stati una trentina i libri letti dagli adulti di fronte agli alunni delle scuole, che a piccoli gruppi sono diventati uditori e fruitori delle storie.

“La lettura permette intimità e dialogo. Rinsalda il legame affettivo fra adulto e bambino. Quando il rapporto fra adulto e bambino è amorevole – osserva la bibliotecaria Stefania Romagnoli – ogni difficoltà, disagio, tappa di crescita viene accolta e superata dal bambino perchè l’adulto ha dimostrato di essere presente e fiducioso nelle capacità del piccolo di sapersela cavare. Leggere libri ai bambini e alle bambine serve a questo”.

Intanto la biblioteca La Fornace continua a lavorare sul tema della lettura, con i sabati  gestiti dal Gruppo volontari e con la distribuzione del kit di lettura a i nuovi nati, che contiene la Bibliocard, una brochure e un libro in omaggio. “Abbiamo notato – spiega la consigliera comunale, nonché insegnante referente del progetto Stefania Lucidi, che la lettura ad alta voce fa bene non solo ai bambini, ma anche ai genitori per il legame magico che si instaura durante la lettura”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.