Torre Erap, Laboratorio Sinistra: “Fallimento totale di una possibile riqualificazione”

JESI – Laboratorio Sinistra: Del progetto di riqualificazione del quartiere San Giuseppe, rimane solo la Torre ERAP e Stu Campo Boario non può neppure essere chiusa per un contenzioso con l’ Agenzia delle entrate”.

Nei giorni scorsi la notizia che la Stu Campo Boario Spa cederà due immobili in zona parco alla Jesiservizi che, nell’ottica di implementare l’attività di trasporto scolastico e della gestione degli scuolabus, verranno utilizzati come base logistica.

“Contemporaneamente, anche tramite le parole del sindaco Bacci, veniamo a conoscenza del fatto che la liquidazione della suddetta Stu è congelata ed impossibilitata ad una chiusura dato che è in piedi un contenzioso tra quest’ultima e il fisco – scrive in una nota stampa il gruppo Laboratorio Sinistra – Tale contenzioso nasce dal fatto che il fisco avrebbe provveduto ad una tassazione agevolata sui beni in virtù del piano di recupero che però non si realizzò mai. Quindi il fisco richiede ora la differenza tra quanto versato e la tassazione ordinaria prevista”.

Il coordinamento cittadino Laboratorio Sinitra ricorda altresì che questo ultimo capitolo s’inserisce nella constatazione che questo progetto venne presentato nel 2011 dall’allora assessore ai progetti speciali Daniele Olivi come “un intervento di riqualificazione senza precedenti nella storia della nostra città “in grado di “davvero cambiare il volto ad una zona dove sono presenti criticità ma anche straordinarie opportunità”: “Abbiamo visto com’è finita, finita anche peggio di quanto previsto perché di questa faccenda sul groppone dei residenti di un quartiere così difficile come San Giuseppe rimane l’ingombrante prossima realizzazione della Torre Erap – incalza Laboratorio Sinistra –  E ci preme ricordare al sindaco che più di una volta ha accusato i cittadini di “essersi svegliati tardi”  che sulla Torre Erap, come già sottolineato durante la campagna per le amministrative, già nel 2005 alcuni residenti del quartiere avevano proposto un’osservazione sul piano di recupero per scongiurare la costruzione della torre e di altri immobili e di una strada nell’area parco e (tale osservazione fu accolta ma non per la torre)”.

Rimane l’amaro della costatazione “del fallimento totale di una possibile riqualificazione di S. Giuseppe e che la Torre Erap, così voluta da chi non risiede nel quartiere, non può essere più presentata come opera strategica di un progetto, dato che di tale progetto ormai non resta che aspettare la fine di un contenzioso fiscale. Viste anche le ultime vicissitudini nell’ultimo Consiglio, dove l’ordine del giorno che riguardava la petizione dei cittadini sulla questione, è stato trattato in tardissima serata – conclude il gruppo cittadino –  ci duole constatare ancora una volta che su tale complessa questione, i cittadini sono stati ancora una volta bistrattati ma ci hanno visto lungo su quella “straordinaria opportunità” e sulla fine del tutto”. 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.