Matt Cancelleria

Turkish Cafè sfiorano Sanremo e dopo “Cambio Palco” pronti nuovi progetti

Silvia Gambini Photo

JESI – Un’avventura che nasce da una predizione letta dai fondi di un caffè: «La musica è una passione che condividerete e che avrà una parte importante nelle vostre vite». È il 2008 e siamo a Bruxelles, nelle chiassose strade del quartiere turco:  è qui che Veronica Punzo, di Jesi, e Julián Corradini, di Fermo, amici e studenti dell’Università di Macerata in Erasmus, decidono di unire voce e chitarra per dare vita ad un progetto musicale oggi noto come Turkish Café.

«Il battesimo artistico arriva in una domenica di maggio, nella grandiosa Grand Place, come artisti di strada – racconta a Password Veronica, la vocalist jesina dei Turkish che non potevamo non incontrare in un bar, proprio davanti ad un caffè –  Un anno dopo, rientrati in Italia, si univa al gruppo anche  Simone Giorgini, eclettico contrabbassista di Camerano».

Le diverse culture, gusti e personalità artistiche si mescolano, s’ispirano e mentre compongono, arrangiano, sperimentano note, suoni, parole e deviazioni musicali dai profumi acustici. Nascono i primi pezzi scritti dai Turkish che, nelle prime esibizioni, sono alternati ancora alle cover: è il 2009 e per il trio marchigiano è l’inizio della gavetta.

Silvia Gambini Photo

Cominciano ad esibirsi dapprima nella Marche, così come nei festival e in concorsi di rilievo. Finalisti nel 2009 al Festival di Castrocaro, nel 2010 vincono il Premio Poggio Bustone, celebre Festival dedicato alla memoria di Lucio Battisti.

«È in questa occasione che prendiamo davvero consapevolezza delle nostre capacità, capiamo di essere credibili. I brani venivano riarrangiati con tonalità diverse, filtrati dall’interpretazione soggettiva – racconta Veronica – Ritmi, riflessioni personali, emozioni si mescolavano via via tra loro e,  nel 2011, prendono forma nel primo album di inediti dal titolo omonimo».

Dopo il primo album, cosa è successo?

«Il progetto andava avanti. Nel 2014 e nel 2015 siamo tra i 40 finalisti di Area Sanremo. Nel 2015 siamo tra gli otto vincitori della 26˚ edizione del Musicultura Festival, il più impegnativo di tutti, e tra i 4 finalisti dell’ultima serata del concorso, conquistando il premio S.I.A.E. “Migliore Musica” con il brano “L’Amore Cade Addosso. Iniziamo a suonare fuori dalle Marche: cresce l’ambizione e sforniamo il secondo disco, “Cambio Palco“. Intanto, si univa a noi anche Simone Pozzi, batterista di Castelferretti».

Grazie a talento e determinazione, vi siete spinti lontano. Qual è la novità in Cambio Palco?

«L’album è stato autoprodotto grazie al crowfounding e alla partecipazione dei numerosi fan che hanno aderito alla campagna. Cambio Palco nasce dall’amalgama tra le diverse esperienze e conoscenze in fatto di musica, che poi è anche una caratteristica che ci contraddistingue e rende unici . Si lavora in equilibrio, senza nessuna prevaricazione. C’è ricerca, attenzione alle melodie, ai testi, all’interpretazione. Il nome del disco, cambio palco, allude alla preparazione per qualcosa che avverrà in futuro…».

I Turkish oggi aprono i concerti di noti artisti italiani quali la Bandabardò, Niccolò Fabi, Marta sui Tubi, Erriquez, Rachele Bastreghi – Baustelle, Marlene Kuntz. Cosa c’è nel futuro?

«Nuovi brani e collaborazioni: una casa discografica che investe nei giovani si è interessata a noi. Non mancano le partnership con altri artisti e professionisti, non solo del mondo della musica, con cui avviare iniziative condivise. Una bella sintonia è nata ad esempio con la casa di moda Piccolo Atelier di Ancona della stilista anconetana Cristina Tajarol che ha ideato per me l’abito dell’audizione di Sanremo Giovani ispirandosi al brano selezionato».

Quest’anno siete stati inclusi tra i 68 giovani artisti emergenti del panorama musicale italiano selezionati per le audizioni di Sanremo Giovani. Un bel traguardo…

«Sì, partecipare alle selezioni ci ha dato una scossa in un anno di fatiche e sacrifici, anche se alla fine non siamo rientrati nella graduatoria del 2018. Un po’ di delusione c’è, innegabilmente, ma è anche grande la soddisfazione di essere arrivati da soli, con le nostre forze, alle porte del Festival ed essere giudicati da una commissione importante, guidata da Claudio Baglioni».

Quanto conta il talento per emergere nel panorama musicale?

«Il contesto oggi è difficile per chi vuol fare musica. I dettami del mercato pongono limiti che sfociano nella massificazione dell’ascolto. E se da un lato aumentano i proseliti dei vari talent show, dall’altra crescono i cosiddetti indie, ovvero coloro che in musica rifiutano ogni moda e tendenza. I Turkish non trovano collocazione in nessuna delle due categorie…siamo unici!».

Qual è allora la via dei Turkish?

«Andare avanti partendo dalle nostre esperienze, con un occhio e un orecchio a ciò che passa in radio ma sempre cercando in noi stessi la bellezza, lo studio e la sperimentazione».

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.