Università jesina, Animali: “Risorsa importante. Il Comune sempre poco incisivo”

Samuele Animali, Jesi in Comune

JESI – La situazione dell’Università di Jesi non lascia indifferente il consigliere comunale Samuele Animali, Jesi in Comune – Laboratorio Sinistra. Dopo le dimissioni di Gabriele Fava da Presidente della Fondazione Colocci, lo stato in cui versa l’ateneo jesino torna al centro del dibattito politico: “Mi spiace molto questa situazione di stallo e di conflittualità – spiega Animali – perché in passato ho collaborato in vari modi con l’Università di Jesi, praticamente dalla sua fondazione fino al 2005. E’ una risorsa importante per la formazione specialistica e per la cultura, per portare persone nuove e idee innovative e rendere più attrattiva la città anche dal punto di vista economico. Si trova in questa situazione anche perché non ha sviluppato appieno le sue potenzialità”. Animali, che unitamente al ricercatore Paolo Seri aveva scritto un libro sulle sedi decentrate delle università “Diffusione geografica delle sedi universitarie e sviluppo locale Knowledge impact nel caso delle Marche. Knowledge impact nel caso delle Marche”, precisa che nel tempo quella jesina “si sarebbe dovuta emancipare maggiormente dai finanziamenti ‘pubblici’, da una parte, e dalle scelte dell’Università di Macerata, dall’altra. Non so come se ne possa uscire adesso, non entro nelle diatribe tra Comune e Fondazione Carisj; osservo solo che il Comune aveva propri rappresentanti nelle Fondazioni, ma è sempre stato molto poco incisivo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.