Vapore caldo per curare l’enfisema polmonare, il primo intervento agli Ospedali riuniti

ANCONA – Una “scoperta dell’acqua calda” che fa fare il salto di qualità in ambito medico e scientifico: è di questi giorni la notizia del primo intervento in Italia, effettuato dalla Sod di Pneumologia dell’Ospedale Riuniti di Ancona, che utilizza il vapore ad alta temperatura negli alveoli dei polmoni dilatati dall’enfisema per creare una cicatrice che li costringe a contrarsi, facilitando la respirazione, riducendo l’affaticamento e migliorando la qualità della vita. E’ l’intervento tentato per la prima volta in Italia dalla Sod di Pneumologia degli Ospedali Riuniti di Ancona lo scorso novembre, presentato oggi alla stampa.

La tecnica illustrata dal suo artefice prof. Stefano Gasparini  era stata sperimentata prima solo in Germania. Nei casi in cui è possibile, può sostituire operazioni più invasive e ad alto rischio come l’asportazione di parte del polmone o l’introduzione di valvole e filamenti per ridurre la dilatazione causata dall’enfisema. Le broncopneumopatie cronico ostruttive colpiscono in media una persona su 10 e sono la quarta causa di morte nel mondo. Insorgono soprattutto in chi fuma, ma possono derivare anche da inquinamento ambientale, esposizione professionale a polveri o fattori genetici.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.