Matt Cancelleria

Volano in cielo palloncini bianchi per l’ultimo saluto a Giosuè

PIANELLO VALLESINA – Decine di palloncini bianchi liberati nel cielo per l’ultimo saluto a Giosuè Spera, il 18enne di Pianello Vallesina che ha tragicamente perso la vita venerdì scorso, in un incidente con la moto.

In centinaia hanno preso parte questo pomeriggio ai funerali, celebrati con rito evangelico all’interno della Palestra comunale di Pianello Vallesina. Intorno al feretro, si è radunato tutto il paese: presenti, oltre alla famiglia, gli amici, i compagni di scuola, conoscenti. C’erano anche i sindaci di Monte Roberto e Castelbellino, insieme ad altri rappresentanti delle due Amministrazioni, volti noti dell’associazionismo locale, negozianti. Tutti in silenzio, davanti alla profonda tragedia che ha scosso la comunità, quando in quel maledetto incrocio tra via Madonna del Piano e Contrada Molino di Castelbellino si è interrotta all’improvviso la vita di Giosuè.

In un tempo dove nessuno sembra avere tempo, sono in momenti come questi che i cuori si ammorbidiscono e si inizia a cercare l’altro: queste le parole del ministro celebrante che ha poi invitato a pregare tutti per la famiglia: «Un miracolo vedere tutte queste persone qui per Giosuè. Difficile sopportare un dolore simile – ha detto, stretto nel dolore  – Il suo vivere e il entusiasmo sia da esempio per gli altri».

«Un ragazzo solare, uno spirito libero, con la passione per le due ruote» hanno detto di lui gli amici, gli stessi che quella tragica sera si sono precipitati di corsa sul luogo dell’incidente, non potendo credere a quella crudele realtà. «Affronteremo questa vita imprevedibile con il tuo coraggio».

Cartelloni, foto e messaggi di vicinanza e partecipazione al lutto rivolti alla famiglia sono arrivati proprio da questi giovani ragazzi che si sono visti strappare via così, in un istante, un amico, sempre presente. Insieme avrebbero dovuto trascorrere il sabato sera giocando a bowling, nella spensieratezza dei loro 18 anni. Straziato il padre Mirko: «Ero felice che foste tutti amici. Lo avevo cresciuto bene…ma è durato poco».

Messaggi e parole di dolore anche dai compagni di classe della 5A dell’Istituto agrario Salvati, che Giosuè frequentava: «Desideravano vederti spuntare dalla porta sabato mattina, con il tuo sorriso e la tua allegria. Sempre disponibile, pensavamo alla maturità e facevamo progetti. Purtroppo, in un attimo è cambiato tutto. Ti porteremo sempre con noi: e ora Giosuè vai e sfreccia con la tua moto tra le nuvole».

Poi all’uscita, i palloncini hanno preso il volo, sotto una pioggia di applausi e di lacrime, per questa giovane vita spezzata, per quel sorriso che continuerà a risplendere nei cuori di chi lo ha conosciuto e amato.

A cura Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.