10 regole per proteggere gli animali dai botti di Capodanno

Sono numerosi i danni provocati dai botti agli animali secondo l’associazione Gaia Animali & Ambiente che si appella ai cittadini per limitare, la notte di Capodanno, quelli più rumorosi. Ogni anno, sostengono gli animalisti, migliaia di animali muoiono per stress, spaventi, incidenti e assideramento.

Ecco alcuni consigli utili per far superare o, per lo meno, ad attenuare i rischi per i nostri amici animali:

1) Nella fase dei botti mostrare tranquillità. Se, nonostante il gran rumore, il padrone appare tranquillo, anche l’animale tenderà a tranquillizzarsi.

2) Tenerli in appartamento, in luogo chiuso e rassicurante, meglio se in una stanza lontana dai rumori e in penombra, con un rifugio magari sotto al letto.

3) Minimizzare l’impatto dei botti accendendo la televisione o alzando il volume della radio.  Sì  alle carezze rassicuranti, no al ‘compensare’ con eccessive attenzioni l’eventuale agitazione dell’animale poiché lo indurrebbero ad intensificare la manifestazione di inquietudine.

4) Non lasciarli soli in giardino o in balcone, potrebbero farsi male, scappare o buttarsi di sotto. Togliere dagli esterni gabbie di uccelli, roditori e altri animali.

5) Non tenere i cani legati a catena, potrebbero strozzarsi cercando di liberarsi; se in passeggiata, tenere il cane saldamente al guinzaglio, per evitare pericoli di fuga.

6) Rivolgersi al proprio veterinario di fiducia per una eventuale somministrazione di rimedi tesi ad abbassare il livello di ansia e di paura. Evitare, comunque, le soluzioni fai-da-te.

7) Assicurarsi per tempo che gli animali siano identificabili con microchip, tatuaggio e medaglietta: sono elementi fondamentali per riconoscerli in caso di fuga.

8) Se l’animale scompare, cercarlo subito in zona: potrebbe essersi nascosto poco distante da casa.

9) Se le reazioni sono troppo violente, tener presente che l’animale può anche avere un collasso. In questo caso rivolgersi al veterinario per un rimedio temporaneo.

10) Rivolgiamoci ad un veterinario comportamentalista per un processo graduale di desensibilizzazione, esponendo l’animale allo stimolo ad un’intensita’ progressivamente aumentata quando si trova in uno stato di rilassamento emozionale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*