“100 anni di 8 ore” al via. Intervista agli organizzatori

Gli organizzatori di 100 anni di otto ore.

JESI – «Cento anni di otto ore» è titolo del progetto che raccoglie una serie di iniziative culturali pensate per valorizzare la figura della jesina Gemma Perchi e le sue battaglie per le donne lavoratrici, in scena in vari comuni (Jesi, Morro D’Alba e Staffolo) dal 26 aprile al 1 maggio. Operaia e tenace sindacalista, oggi alla Perchi la città ha dedicato la scuola prima di via Musone, nel quartiere Minonna. Il 1° maggio 1919 ottenne l’applicazione delle otto ore di lavoro giornaliere nelle filande: a scoprire la ricorrenza de centenario l’associazione Culturale Willer & Carson, rappresentata da Michael Bonelli, nell’ambito del progetto «Storie del Prado» introdotto per la Festa del Cordaro.

Abbiamo intervistato Michael Bonelli per capire come è nato e come si sviluppa il progetto di questo importante centenario.

Quando e come hai pensato di realizzare un evento per questo centenario?

M.B. “Abbiamo incontrato la data del 1919 durante il lavoro di ricerca delle Storie del PraDo portato nel Quartiere nel 2016. A settembre 2018, dopo le fatiche di Tutti al PraDo ci è tornata in mente ed abbiamo realizzato subito un Progetto da 3 giorni che poi è diventato da 8 e oltre”

– Tra i tanti eventi del programma, di quale si più orgoglioso?

M.B. “Amiamo tutti gli eventi perché nati da nostre idee, da suggestioni dell’Amministrazione e dai Contributi delle tante associazioni e organizzazioni che partecipano al Progetto. In particolare 3 danno il senso della continuità, del recepire la eredità di lotta e la identità e sono i lavori dei ragazzi del Liceo Mannucci, lo spettacolo dei Bambini della Scuola Gemma Perchi e il momento più alto con la commemorazione presso la Tomba di Gemma Perchi il Primo Maggio”

– Perchè credi sia importante per un cittadino, a distanza di 100 anni, riscoprire la lotta fatta da Gemma Perchi e non solo?

M.B. “Per ricordare il carattere e la forza di queste Donne Jesine, di ciò che ci hanno lasciato e conquistato e che con la volontà, la tenacia, la lotta, la solidarietà ogni obiettivo, anche quelli definiti impossibili, si possono raggiungere”

– Le delocalizzazione, la globalizzazione e le nuove tecnologie stanno rivoluzionando anche il mondo del lavoro. Servono nuove figure come quelle di Gemma Perchi per passare attraverso questo processo nel migliore dei modi?

M.B. “Assolutamente Sì. È la dimostrazione la troviamo nella incredibile partecipazione della Città tutta al Progetto insieme anche a Staffolo e Morro d’Alba. Ora più che mai c è bisogno di identità comune, valori e obiettivi per cui lottare insieme con durezza ma anche capaci di momenti di tenerezza e allegria; è questo penso uno degli insegnamenti più grandi che ci hanno lasciato Gemma Perchi e le Filandare”

Per tutte le informazioni: CENTO ANNI DI OTTO ORE

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*