100 medici cinesi a Ancona in due anni | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

100 medici cinesi a Ancona in due anni

ANCONA – Medicina occidentale e medicina tradizionale cinese a confronto. Dodici medici cinesi sono arrivati la scorsa settimana nelle Marche e si fermeranno fino a maggio, per un periodo di formazione professionale e scambi scientifici.r appresentano un primo gruppo di cento che arriverà ad Ancona tra il 2014 e il 2015.

“L’amicizia tra le Marche e la Cina – ha spiegato oggi il presidente della Regione Gian Mario Spacca, nel corso di una conferenza stampa per dare il benvenuto agli ospiti cinesi e approfondire i vari aspetti dell’iniziativa –  è ormai un dato di fatto consolidato. In questi anni gli accordi sono prolificati su diversi fronti, sia a livello commerciale che a livello istituzionale. Accanto a relazioni economiche sempre più solide, è nato anche uno scambio in merito ad uno dei diritti fondamentali dei cittadini, la salute. Per quanto riguarda la Regione, nell’ottica dell’evoluzione dei progetti riguardanti la sanità, la longevità, e la domotica applicata alla salute di recente  sviluppo, l’intento è quello di investire energie e risorse al fine di acquisire conoscenze e capacità che possano accrescere il livello di benessere dei suoi abitanti. La formazione dei medici e del personale sanitario è fondamentale perché la qualità di una struttura non è fatta solo dalla tecnologia e dall’organizzazione ma soprattutto dalla competenza e dalla conoscenza delle persone. Dallo scambio di conoscenze si acquisisce dunque maggiore consapevolezza a presidio del servizio che si vuole offrire ai cittadini. Da questo punto di vista, sugli Ospedali Riuniti di Torrette, c’è l’obiettivo di creare un vero hub internazionale per tutto l’Adriatico puntando sulle specializzazioni più elevate. Abbiamo presentato all’Europa – ha aggiunto Spacca – due progetti nell’ambito della Macroregione Adriatico Ionica. Uno riguarda la cardiochirurgia pediatrica in ambito adriatico, uno la realizzazione di un laboratorio per la diffusione delle conoscenze nel campo della medicina molecolare. Un progetto, quest’ultimo, che possa anche valorizzare nel nostro territorio quei ragazzi che, da due anni, sono negli Stati Uniti a sviluppare le loro conoscenze a confronto con i premi Nobel della medicina di questi ultimi anni”.

Alla conferenza erano presenti anche il direttore generale dell’Azienda Ospedali Riuniti Paolo Galassi, il Rettore dell’Università  Politecnica delle Marche Sauro Longhi, il Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia Antonio Benedetti, i medici cinesi in formazione ed i tutors.

Al direttore Galassi  è spettato il compito di spiegare i dettagli del progetto evidenziando l’importanza dello scambio reciproco.

“L’intento – ha detto – è quello di sviluppare scambi di conoscenza sia nell’ambito medico che in quello gestionale e organizzare seminari internazionali. Non solo i medici cinesi continueranno a venire qui per perfezionare la loro formazione nelle alte specialità presenti a Torrette, ma i nostri medici andranno in Cina per approfondire il tema delle malattie infettive e tropicali. In un momento di forte immigrazione dai paesi non comunitari verso l’Italia vedere e acquisire esperienza negli ospedali cinesi che di routine curano malattie da noi non più presenti da molti anni, rappresenta sicuramente una opportunità molto significativa”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.