2000 idee per la Pace, meno palloncini per un'Epifania più ecologica | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

2000 idee per la Pace, meno palloncini per un’Epifania più ecologica

JESI – Torna il consueto appuntamento dell’Epifania con 2000 idee per la Pace, organizzato dalla Consulta per la Pace di Jesi e che coinvolge tutte le scuole primarie e materne della città per una profonda riflessione sul tema.

A presentare le novità di questa edizione 2020 sono stati Paolo Gubbi, coordinatore della Consulta; Luca Butini, vice sindaco e Marialuisa Quaglieri, assessora ai Servizi sociali. La mattina del 6 gennaio si svolgerà come d’abitudine nel centro storico di Jesi tra l’area dell’ex appannaggio e Piazza Federico II: «Questo evento è dedicato ai più giovani e vuol farli riflettere sul senso della pace e sul suo significato – commenta il vice sindaco Butini – e ne vorrei sottolineare l’importanza e il grande impegno che la Consulta per la Pace ci mette ogni anno affinché tutto vada per il meglio».

La mattina del 6 gennaio si inizierà alle 11 nell’area dell’ex Appannaggio per la consegna dei palloncini ai bambini con una novità: «In considerazione della crisi climatica abbiamo ritenuto opportuno quest’anno apportare alcune modifiche – spiega il coordinatore Poalo Gubbi – visto che l’elio con cui i palloncini volano è sempre più scarso e di difficile reperibilità e il processo di degradazione della plastica biodegradabile non è immediato, abbiamo deciso di ridurre del circa 50% il numero dei palloncini che scenderà quindi a 700 totali. La formula del lancio è stata mantenuta per la sua valenza simbolica ma con una maggiore attenzione all’ambiente».

In linea con questa modifica, quest’anno ci sarà un solo messaggio per ogni classe che volerà in cielo e un messaggio di pace individuale che potrà essere “imbucato” da ciascun alunno in apposite “cassettine postali” posizionate nell’ex Appannaggio, distinte per lingue, sempre la mattina del 6 gennaio. Oltre all’italiano, ci saranno lettere scritte in inglese, francese, arabo, ucraino, bengalese: «Le lettere scritte in italiano saranno destinate a persone collocate sul territorio che hanno vissuto sulla propria pelle le conseguenze dei conflitti – spiega Poalo Gubbi – tutti gli altri messaggi di pace saranno inviati a scuole in paesi vicini a zone di guerra che parlano tale lingua».

Per restare in tema pace ed integrazione, l’Amministrazione comunale ha deciso di inaugurare proprio il 6 gennaio, intorno alle 11.30, il cosiddetto Muro della gentilezza. Si tratta di un muro dell’area dell’ex Appannaggio sul quale verrà installato un pannello dipinto dallo studente Maiani Giacomo del Liceo Artistico Mannucci di Jesi, con su appesi 10 appendiabiti sui quali la comunità potrà appendere dei capi così da dare un aiuto concreto a chi si trova in stato di povertà.  «Invece di costruire un muro della gentilezza – commenta l’assessora Marialuisa Quaglieri – abbiamo voluto prendere un muro che già c’era per rendere così la città, una città gentile.  Appenderemo noi stessi il 6 gennaio un capo al muro; vediamo quanto la città sarà in grado di mantenerlo vivo».

A seguire ci sarà il corteo lungo corso Matteotti fino a Piazza Federico II dove verranno posizionate le cassettine postali contenenti i messaggi di pace e da dove verranno lanciati i palloncini intorno alle 12.

L’evento prosegue nel pomeriggio al Teatro Pergolesi dove ci sarà l’incontro “SIRIA, LUCI E OMBRE – da mosaico di etnie e culture a paese in macerie” con ingresso libero fino ad esaurimento posti (ci saranno in totale 300 posti tra platea e palchi del I°ordine) che affronterà il tema della Siria, devastata da quasi 9 anni di guerra, morte e distruzione.
Ospiti della Consulta saranno la giornalista e scrittrice Asmae Dachan, insignita da pochi mesi del titolo di Cavaliere della Repubblica dal Presidente Mattarella, e il fotoreporter milanese Gabriele Micalizzi, con i suoi reportage dalla Siria, foto e filmati, dove ha rischiato la vita durante un servizio.
Si parlerà della Siria partendo dagli ultimi eventi che hanno visto coinvolti la Turchia ed i Curdi fino ad arrivare alle origini del conflitto, sottolineando l’aspetto umanitario di chi è vittima innocente della guerra.

Inoltre, all’ingresso del teatro ci sarà un banchetto informativo per la realizzazione del progetto “la panchina gialla” promosso dalla famiglia Regeni in ricordo del figlio Giulio. Il progetto è partito a Fiumicello ma sarà e potrà essere esportato in qualsiasi altra città.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.