2018, l’anno giusto per pensare alla casa

Il 2018 è l’anno giusto per pensare alla nostra casa e ad alcuni interventi pratici per manutenerla.
In fin dei conti, una casa accogliente, calda e sicura con qualche tocco di novità è complice perfetta del benessere quotidiano di ognuno di noi.

2018, l'anno giusto per pensare alla casa

Si può approfittare delle agevolazioni fiscali previste dalla Legge di Bilancio 2018 che ridisegna gli incentivi per la casa. Aliquote differenziate per agevolare quei lavori che andranno a migliorare specialmente la prestazione energetica degli edifici.  Si va dalle ristrutturazioni all’acquisto di mobili, dal risparmio energetico agli interventi antisismici, dalla risistemazione dei giardini alla possibilità di cedere l’agevolazione al condominio o ad altri privati.
A subire maggiori modifiche, infatti, è stato l’Ecobonus. Rafforzato l’incentivo per gli interventi integrati di efficientamento energetico e messa in sicurezza antisismica. Tra le novità più importanti per la casa spicca il bonus verde, mentre è stata prorogata fino al 31 Dicembre 2018 l’agevolazione fiscale per il bonus ristrutturazioni e il bonus mobili.
Tra gli incentivi più importanti in campo edilizio troviamo:

Bonus ristrutturazioni 50%, proroga al 31 dicembre 2018
Fino al 31 dicembre 2018, con un limite massimo di 96 mila euro per unità immobiliare, si può usufruire della detrazione fiscale del 50% per gli interventi di ristrutturazione delle abitazioni e delle parti comuni degli edifici condominiali.

Bonus Mobili 50% fino al 31 dicembre 2018
Detrazione del 50%, con un tetto di 10 mila euro per unità immobiliare, per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare l’immobile che viene ristrutturato. Per usufruire del Bonus Mobili è indispensabile che i lavori siano iniziati dopo il 1° gennaio 2017.

Ecobonus, detrazioni al 65% e 50%
Prorogata fino al 31 dicembre 2018 la detrazione del 65% per gli interventi di efficientamento energetico delle singole unità immobiliari. L’Ecobonus sui condomìni resta invariato fino al 2021.
Si ha la detrazione del 65% anche per l’acquisto e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti, fino a un valore massimo della detrazione di 100 mila euro, a condizione che l’intervento porti a un risparmio di energia primaria pari al 20%.
Scende al 50% il bonus per l’acquisto e la posa in opera di finestre comprensive di infissi, di schermature solari e di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a biomassa e caldaie a condensazione con efficienza pari alla classe A di prodotto.

Le caldaie godono ancora della detrazione fiscale del 65% tranne gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza inferiore alla classe A. Mantengono il 65% gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione di efficienza pari alla classe A e contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti. Detrazione al 65% anche per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro, o per le spese sostenute all’acquisto e posa in opera di generatori d’aria calda a condensazione.

Sismabonus fino all’85% anche per l’edilizia popolare
Per le spese di messa in sicurezza antisismica degli edifici residenziali, di edilizia popolare e produttivi situati nelle zone a rischio sismico 1,2 e 3, effettuate fino al 31 dicembre 2021, è riconosciuta una detrazione fiscale Irpef o Ires che va dal 50% e si può arrivare al 70% , se l’intervento determina il passaggio ad una classe di rischio inferiore . Si passa all’80% se l’intervento determina il passaggio a due classi di rischio inferiori. Il tetto di spesa su cui calcolare la detrazione è pari a 96 mila euro.
Nei condomìni si va dal 50% al  75% se l’intervento determina il passaggio ad una classe di rischio inferiore, mentre si arriva all’85% se l’intervento determina il passaggio a due classi di rischio inferiori. In questo caso, il tetto di spesa su cui calcolare la detrazione è pari a 96 mila euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio. Stessa percentuale di recupero anche per l’efficientamento energetico.

Bonus Verde 36% per giardini e terrazzi
Una delle novità introdotte dalla Legge di Bilancio riguarda gli interventi di sistemazione del verde nelle aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze e recinzioni, nonché la realizzazione di impianti di irrigazione e pozzi. La detrazione fiscale Irpef  in merito è del 36% delle spese sostenute nel 2018, fino ad un massimo di 5 mila euro per unità immobiliare. Tra le spese detraibili sono incluse quelle per la progettazione e la manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi. In condominio il limite di spesa sarà di 5 mila euro per unità immobiliare.

Le polizze catastrofali diventano detraibili
Con la legge, sarà possibile detrarre anche le assicurazioni contro il rischio di eventi calamitosi stipulate per le abitazioni. I premi per questo tipo di polizze godranno della stessa agevolazione fiscale che oggi esiste, per esempio, per gli interessi passivi relativi ai mutui per l’acquisto della prima casa, le spese sanitarie e le polizze vita.

La detrazione sarà ripartita in dieci quote annuali.

 

 

Fonti “Edilportale” e “Il Sole 24 Ore”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*