Pergolesi, il Sindaco: "Bizzarro, referendum richiesto dagli stessi che hanno approvato il progetto" | | Password Magazine
Lulù  

Pergolesi, il Sindaco: “Bizzarro, referendum richiesto dagli stessi che hanno approvato il progetto"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Tra gli obiettivi principali che questa Amministrazione si è data all’atto del suo insediamento vi era quello di una generale riqualificazione del centro storico, le cui critiche condizioni erano note a tutti: desolatamente vuoto, con troppe saracinesche abbassate, con scarsissime attività di aggregazione ed ancor meno spazi ed eventi pubblici”. Così il sindaco Massimo Bacci  in risposta all’istanza di promozione di Referendum abrogativo da parte del Comitato “Nessuno Tocchi Pergolesi” contrario allo spostamento del monumento di qualche decina di metro più in fondo rispetto al Corso Matteotti. Continua il Sindaco: In quella riqualificazione avevamo anche contemplato un migliore arredo urbano, visto che Jesi era rimasto e continua ad essere uno dei pochi Comuni in Italia dove il cosiddetto “salotto buono” della città è ricoperto da un grigio, logoro, antiestetico manto d’asfalto.

Abbiamo ereditato un progetto della vecchia Amministrazione, con un iter amministrativo vincolante – nelle scelte progettuali e nei progettisti – sia dal concorso di idee partito addirittura nel 2005, sia dall’inserimento del progetto preliminare nel Piano denominato Piperru nel 2010 poi finanziato dalla Regione. Va aggiunto che a capo della commissione che a scelto quel progetto la vecchia Amministrazione non aveva messo un personaggio qualunque, ma quell’architetto Gabellini a cui ha affidato di fatto le chiavi della città incaricandola di realizzare il nuovo Piano Regolatore di Jesi.

Al di là del fatto che tornare indietro rispetto a quelle scelte avrebbe avuto una ricaduta economica pesante sulla città, con l‘impossibilità di riqualificare l’intero Corso Matteotti e le Piazze che vi si affacciano, questa Amministrazione ha scelto di condividere quelle scelte con la città. Ed infatti non la vecchia Amministrazione (come avrebbe dovuto fare), ma noi lo abbiamo presentato pubblicamente. E l’abbiamo fatto non l’altro giorno, ma addirittura nel marzo 2013, con tanto di rendering di Corso Matteotti e Piazze riqualificate che hanno ottenuto generali consensi. E su questo progetto ci siamo impegnati a trovare quelle risorse che erano state sì promesse, ma non ancora assegnate. E che, ripeto per l’ennesima volta, non possono essere in alcun modo destinate ad altri interventi.

Proprio in quel progetto è chiaramente prevista, accanto alla pavimentazione del Corso, la creazione di uno spazio pubblico dove ora insiste piazza Pergolesi, con l’arretramento del monumento, la sostituzione delle alberature neanche autoctone, una migliore fruibilità per i cittadini.

Per questo trovo francamente bizzarro che tra i firmatari di questa proposta di referendum vi siano non solo molti rappresentanti di primo piano di quel Pd padre putativo del progetto, ma anche ex consiglieri che avevano responsabilità amministrative quando quel progetto veniva scelto ed approvato. Non solo, trovo estremamente preoccupante che quegli stessi rappresentanti del Pd ed ex consiglieri oggi riconoscano che la persona da loro scelta per disegnare l’intera città sotto il profilo urbanistico non sia stata in grado di valutare neanche la bontà del progetto di una piazza.

Ecco perché questa decisione di proporre il referendum ora quando la gara d’appalto è già partita e non tre anni e mezzo fa quando il progetto è stato presentato alla città, mi sembra da un lato obiettivamente tardiva rispetto ai procedimenti avviati, dall’altro scientificamente puntuale rispetto alle prossime elezioni amministrative. Per essere ancora più chiari e tenuto conto dei nomi dei firmatari: è fin troppo evidente che più che un profilo urbanistico questa proposta abbia chiaramente un connotato politico contro questa Amministrazione. Ne prendo atto”.

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.