6 Nazioni Femminile di Rugby, le atlete in visita nei musei della città. Sabato il match | | Password Magazine
Lulù  

6 Nazioni Femminile di Rugby, le atlete in visita nei musei della città. Sabato il match

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

JESI – Jesi, terra di sport. Terra di campionesse. La città si prepara ad accogliere il torneo 6 Nazioni Femminile di Rugby.
Venduti già 2800 biglietti per l’incontro Italia vs Galles, che si svolgerà sabato prossimo presso lo Stadio Pacifico Carotti, prima partita delle tre giocate in Italia del prestigioso torneo. Sono un’ottantina le persone che, tra giocatrici e staff tecnico, sono arrivate oggi in città: dopo la sistemazione in albergo, le atlete sono state accompagnate in mattinata a visitare i musei civici di Palazzo Pianetti e di Palazzo della Signoria.

Poi l’incontro con la Stampa, nella Sala Maggiore della Biblioteca comunale. Presenti l’assessore allo Sport Ugo Coltorti, il presidente del Club Rugby Jesi ’70 Luca Faccenda, il presidente del comitato regionale di Federazione Maurizio Longhi,  il coach Andrea di Giandomenico e il capitano della Nazionale Femminile di Rugby Sara Barattin. C’erano anche Maria Cristina Tonna, responsabile FIR del Settore Femminile, il presidente dell’Avis di Jesi Bruno Dottori e, in particolare, il direttore generale della Jesina Femminile Alessandro Cossu a ricordare il sodalizio tra il comitato organizzatore formato dal Rugby Jesi 70 e la società Jesina Calcio Femminile, in virtù del quale chi è in possesso del biglietto di ingresso al match di sabato avrà diritto ad un ingresso ridotto per la partita Jesina – Fiorentina di calcio femminile, serie A, in programma il giorno successivo (domenica 5 ore 14.30 sempre allo stadio Carotti).

L’evento è volutamente inserito in una manifestazione più grande che abbraccia non solo il rugby, ma lo sport in tutte le sue sfaccettature e il mondo femminile, intitolato  “Cuore Sportivo” che da domani a domenica si svolgerà ai Giardini pubblici, colorando la città di gioco, di rosa e di festa. 

La partita Italia – Galles inizierà alle 15.00 e sarà ripresa da ben 6 telecamere della BBC, la più importante emittente televisiva inglese, che riprenderà in esclusiva le partite del 6 Nazioni: ad aprire i giochi il corteo storico dei figuranti e dei gruppi dell’Ente Palio San Floriano di Jesi, presente all’occasione come cartolina della città.

 Nel frattempo si sta delineando il Rugby Village in formato “rosa”. Sarà possibile mangiare presso lo stand allestito nello spazio esterno allo stadio Carotti, che ospiterà l’iniziativa di tre giorni, con i prodotti tipici del territorio. Un evento che sarà accompagnato dalla chiusura del tratto di viale Cavallotti nell’intersezione con via San Francesco, per poter godere degli spazi dove si svolgeranno tante iniziative collaterali alla partita, e per consentire lo svolgimento della festa dello sport in tutta sicurezza per famiglie e bambini.

Domani sarà inaugurato il Rugby Village, con stand gastronomici e di promozione sportiva, con spazio per l’associazionismo e la solidarietà, l’incontro della Nazionale Rugby Jesi si giocherà sabato, seguito dal classico terzo tempo, momento immancabile in questo sport, dove le ragazze di Italia e Galles si ritroveranno da avversarie in campo a commensali della stessa tavola; il weekend all’ insegna dello sport si concluderà poi domenica 6 febbraio con l’incontro che vede la Jesina Calcio Femminile impegnata contro la Fiorentina.

“La città di Jesi è pronta a rispondere ad un evento sportivo internazionale che, ancora una volta, la rende protagonista – sono le parole dell’assessore Coltorti – La città è ricca di talenti dello sport, con campioni e, soprattutto campionesse, a tutti i livelli”.
“Sto vivendo un sogno” ha detto un’entusiasta presidente Luca Faccenda, che ha descritto l’evento come un risultato importante raggiunto dal lavoro squadra, grazie anche alla collaborazione con il direttore generale della Jesina Femminile Alessandro Cossu.
Vere protagoniste però sono le ragazze, pronte ad affrontare sabato prossimo una sfida impegnativa con grinta e determinazione.
Al pubblico femminile è dedicato anche il messaggio del presidente Avis di Jesi Bruno Dottori, partner dell’evento con una nota di solidarietà e di sensibilizzazione verso la donazione, in particolare del cordone ombelicale, che solo le madri possono decidere di donare come risorsa utile a combattere gravi malattie.
(chi.ca)

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.