25 aprile, Jesi e Maiolati insieme | | Password Magazine

25 aprile, Jesi e Maiolati insieme

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Per l'Anpi Daniele Fancello, al centro l'assessore Butini e il sindaco di Maiolati Umberto Domizioli

JESI – Tre istituti comprensivi, il “Carlo Urbani” di Moie, il “Lorenzo Lotto” e il “Carlo Urbani” di Jesi, il gruppo comunale di Protezione civile, le associazioni “Ruota libera”, Mutilati e invalidi di guerra, la Pro Loco Maiolati Spontini e la sezione Media Vallesina dell’Anpi, l’associazione nazionale partigiani d’Italia. Due comuni, Maiolati Spontini e Jesi, e soprattutto gli studenti. Tante realtà impegnate a trasformare la commemorazione della Liberazione in una giornata all’insegna non solo del ricordo, ma anche della testimonianza e della partecipazione intergenerazionale. Il programma inizia il 24 aprile, ore 14.30 con la deposizione delle corone ai Cippi dei Caduti e al Famedio, parteciperanno gli studenti dello Scientifico. Due gli spettacoli teatrali: il 24 alle 21.30 al Moriconi di Jesi con “Festa grande d’aprile” a cura di Teatro Cocuje, Fondazione Pergolesi Spontini, Centro Studi Calamandrei, canzoni affidate agli Onafifetti. L’altro appuntamento è sabato 29 aprile ore 21 sempre al Moriconi di Jesi con “Canto Contro – Nicola Stame il tenore partigiano”, la storia del tenore morto alle Fosse Ardeatine su cui la stessa Valeria Moriconi aveva lavorato. La rappresentazione, che come l’altra è a ingresso gratuito, è a cura di Arci, Anpi Jesi e Libera associazione contro le mafie. Il 25 aprile l’appuntamento è in Piazza Indipendenza con il raduno delle scuole secondarie di rimo grado di Jesi e Maiolati Spontini per “La Memoria va in bici”, pedalata a cura del bike team di Jesi, che ha organizzato l’itinerario. Alle 9, dopo i saluti delle autorità, i ciclisti andranno fino a Moie celebrando i caduti presso i monumenti. A Moie musica e pranzo offerto dall’Anpi per tutti i partecipanti. Tradizionale corteo alle 11.30 dall’Arco Clementino di Jesi e arrivo in Piazza Indipendenza con il saluto del sindaco e l’intervento del presidente provinciale dell’Anpi, Daniele Fancello. Nell’ambito delle celebrazioni, il 27 aprile alle 16 alla sala del consiglio in Municipio l’Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi di Guerra e le scuole parleranno della I e della II guerra mondiale. Gli organizzatori hanno sottolineato l’importanza di celebrare la Liberazione per il contributo storico che ha dato la Vallesina e come momento di festa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.