Via Clementina, Jesi protagonista di un suggestivo percorso turistico | | Password Magazine

Via Clementina, Jesi protagonista di un suggestivo percorso turistico

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Jesi pienamente protagonista nel progetto di valorizzazione e promozione della Via Clementina, l’asse che va da Nocera Umbra al porto di Ancona oggetto di un piano di promozione che coinvolge 13 Comuni delle due regioni. E dunque martedì prossimo anche la nostra città sarà al tavolo dell’Autorità Portuale per firmare il protocollo operativo che dà concretamente il via ad una operazione dalle interessanti opportunità per il territorio della Vallesina.

Si tratta di un accordo di rete che punta a caratterizzare un suggestivo percorso di grande interesse naturalistico, storico e religioso, con città e borghi ricchi di arte, zone verdi e boschive, corsi d’acqua e sorgenti, che rappresentano i luoghi di eccellenza di Umbria e Marche e della Valle dell’Esino in particolare.

Il Comune di Jesi è stato tra i primi a aderire al progetto cogliendone fin dall’inizio le notevoli potenzialità per un territorio, qual è quello della Vallesina, che proprio nella messa in rete e nella valorizzazione del patrimonio storico artistico e enogastronomico, in una prospettiva allargata di area vasta trans regionale, può trovare le leve dello sviluppo e della crescita.

Il progetto nasce grazie all’idea di studiosi e ricercatori locali, raccolti nel laboratorio “Via Clementina” e nel centro sociale “Il Faro”, uniti dall’interesse per lo sviluppo e la maggiore conoscenza di un segmento centrale del nostro territorio, quello tra l’Appennino e il mare, ricco di potenzialità turistiche, ma poco valorizzato come sistema integrato.

Il percorso, dopo aver attraversato il territorio segnato dal corso del fiume Esino, aveva la sua naturale conclusione sulla costa, nel porto di Ancona,  dove sin dal 1733 la via Clementina, fatta sistemare appositamente da papa Clemente XII (da cui il nome) veicolava merci, persone e acque potabili che avrebbero poi proseguito il loro viaggio verso Est.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.