L'Avvocato Risponde | | Password Magazine
Festival Pergolesi

L'Avvocato Risponde

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
L'avv. Monica Checchini

Affrontiamo questo mese un argomento che ritengo possa essere di comune interesse e che è stato, unitamente a molti altri, di recente soggetto a modifiche procedurali da parte del d.lgs 1 settembre 2011, n. 150 (cosiddetto decreto taglia-riti, in vigore dal 06 ottobre 2011); mi riferisco al procedimento in materia di opposizione al verbale di accertamento di violazione del codice della strada (c.d. contravvenzione).

Ebbene, tale decreto legislativo, oltre ad aver introdotto il rito del lavoro anche innanzi al Giudice di Pace (artt. 6 e 7), ha previsto (art. 7 n. 3) che il ricorso debba essere proposto, a pena di inammissibilità, non più entro sessanta giorni, bensì entro trenta giorni (che si computano escludendo dal calcolo il giorno nel quale si è ricevuta la notifica dell’atto e l’eventuale periodo dal 1 agosto al 15 settembre di sospensione feriale) dalla data di contestazione della violazione o di notificazione del verbale di accertamento (ovvero entro sessanta giorni se il ricorrente risiede all’estero) e può essere depositato anche a mezzo del servizio postale (come peraltro già consentito a seguito della sentenza della Corte Costituzionale del 18 marzo 2004 n. 98).

Relativamente al termine di trenta giorni occorre precisare che, come precisato di recente dalla Cassazione civile sez. II con sentenza n. 6388/201, nel caso in cui venga notificato un atto senza l’indicazione del termine di impugnazione o, ancora, dell’organo al quale può essere proposto ricorso, ciò non ne inficia la validità, ma comporta, sul piano processuale, il riconoscimento della scusabilità dell’errore in cui sia eventualmente incorso il ricorrente (scusabilità sussistente a maggior ragione nel caso in cui l’errore non sia del ricorrente, bensì della P.A. che abbia indicato il vecchio termine di 60 giorni in luogo del nuovo di 30 giorni in vigore dal 6 ottobre 2011).

L’opposizione si estende anche alle sanzioni accessorie (come la decurtazione dei punti patente); ciò significa che: anche se nell’atto introduttivo non si menziona espressamente anche l’impugnazione delle sanzioni accessorie, queste ex lege si intenderanno impugnate; quando rigetta l’opposizione, il Giudice non può escludere l’applicazione delle sanzioni accessorie o la decurtazione dei punti dalla patente (art. 7 comma n.12). Argomentando al riguardo sembrerebbe che le sanzioni accessorie costituiscano un tutt’uno inscindibile con quelle principali, fermo restando la possibilità per il Giudice di annullare in tutto o in parte il provvedimento impugnato (quindi, ad esempio, se a seguito dell’annullamento parziale del provvedimento,  il Giudice dimezzasse la sanzione principale, anche le sanzioni accessorie sarebbero dimezzate).

Ai sensi dell’art. 7 n. 11, in caso di opposizione a verbale, come già precisato di recente dalle Sezioni Unite (v. Cass. Civ., Sez. Un. 15 dicembre 2010 n. 25304), il giudicante, con la sentenza che rigetta l’opposizione, in base al proprio libero convincimento, può determinare la sanzione in misura compresa tra il minimo e il massimo edittale e può dunque sia diminuire che aumentare la sanzione irrogata nel verbale stesso. Tale potere può essere esercitato d’ufficio anche in assenza di istanza della P.A.

La decisione dovrà essere resa anche in assenza del ricorrente. Il Giudice dovrà infatti esaminare il ricorso nel merito, anche quando l’opponente o il suo difensore non si presentano alla prima udienza senza addurre alcun legittimo impedimento, tutte le volte  in cui l’illegittimità del provvedimento impugnato risulti dalla documentazione allegata dall’opponente (in questo senso si era già espressa la Corte Cost. con sentenza n. 534/1990), ovvero l’Autorità che ha emesso il provvedimento abbia omesso il deposito di copia del rapporto e degli atti connessi (già Corte Cost. 507/1995).

Nel giudizio di primo grado l’opponente e l’Autorità che ha emesso l’ordinanza possono stare in giudizio personalmente (si rammenta in tal caso di indicare il proprio codice fiscale e di allegare l’originale dell’atto impugnato).

Avv. Monica Checchini

Si avvisano i lettori che hanno sottoposto quesiti legali alla sottoscritta che riceveranno il parere direttamente al domicilio indicatomi.

L’AVVOCATO CHECCHINI CERCA UNA PRATICANTE ABILITATA
Per fissare un colloquio contattare l’Avv. Checchini Monica allo 0731.704650 ovvero, direttamente, al 333.9923708

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.