4 novembre, la Giornata delle Forze Armate e dell'Unità Nazionale

JESI – Sarà caratterizzata da due importanti iniziative la Giornata delle Forze Armate e dell‘Unità Nazionale che sarà celebrata domenica mattina a Jesi: la testimonianza di Michele Manzoni, l’ex carabiniere jesino ferito in un attentato in Iraq, e l’inaugurazione dell’Ufficio Mobile in dotazione al Corpo di Polizia Municipale.

Per Michele Manzoni, 44 anni, che si è visto recentemente conferire l’onorificenza di cavaliere al merito della Repubblica, si tratta di un riconoscimento che l’Amministrazione comunale ha voluto attribuirgli ad 8 anni da quel 17 agosto 2004 quando, durante un servizio di vigilanza svolto per assicurare incolumità e sicurezza alla popolazione civile della città di Nassirya, il blindato su cui viaggiava venne fatto saltare in aria. Rimasto gravemente ferito, Manzoni venne congedato nel 2008 con il grado di vicebrigadiere.

La Giornata delle Forze Armate – ricorda l’Amministrazione comunale – è l’occasione per esprimere la nostra gratitudine a quanti si impegnano quotidianamente per difendere la libertà di tutti i cittadini e delle istituzioni, garantirne la sicurezza, fronteggiare le tanti situazioni di emergenza, testimoniare le capacità del popolo italiano nelle missioni di pace svolte al di fuori del territorio nazionale. Condividerla con un soldato jesino vittima di un attentato proprio in una missione di pace è un’occasione doverosa per esprimergli la nostra riconoscenza”.

L’altra novità della celebrazione è data dall’inaugurazione del nuovo “Ufficio Mobile” dei vigili urbani. Si tratta di un furgone rialzato modello Ducato, dotato di strumenti informatici ed attrezzature particolari da utilizzare per svariate evenienze, come ad esempio un faro telescopico ruotante con braccio di7 metri, un generatore in grado di alimentare strumenti tecnologici anche a motore spento, una tenda veranda da aprire in caso di necessità, un pianale per agevolare l’accesso alle persone diversamente abili.

L’automezzo verrà utilizzato come un vero e proprio “Ufficio” ed effettuerà soste con cadenza periodica nelle zone della città considerate più sensibili per effettuare controlli mirati rispetto alle attività di competenza del Corpo di Polizia Municipale, così da offrire un servizio immediato ai cittadini. Vi sarà sempre un responsabile a bordo che coordinerà la pattuglia appiedata nel quartiere di volta in volta  individuato per l’attività di controllo. In questa prima fase il mezzo effettuerà tre uscite a settimana con orario pomeridiano, indicativamente dalle 16 alle 20.

Il programma delle celebrazioni di domenica prevede alle ore 10 il saluto dei presidenti delle Associazione Combattentistiche e d’Arma e delle famiglie dei caduti in guerra presso la Compagnia dei carabinieri di corso Matteotti. Alle 10.30 quindi si terrà una S.Messa in suffragio di tutti i caduti di fronte al monumento dei giardini pubblici di viale Cavallotti (in caso di pioggia il rito sarà celebrato al Santuario delle Grazie). Al termine della funzione religiosa vi sarà la benedizione dell’Ufficio Mobile. Dopodiché, il Gonfalone ed i Labari raggiungeranno l’Arco Clementino per il corteo fino a piazza Indipendenza. Nell’atrio comunale vi sarà la deposizione della corona d’alloro alla lapide dedicata ai caduti in guerra, a cui faranno seguito il saluto del sindaco Massimo Bacci e la testimonianza di Michele Manzoni.

Comunicato da: Comune di Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*