Museo Diocesano, nuova sezione icone donate da Don Vittorio Magnanelli | | Password Magazine

Museo Diocesano, nuova sezione icone donate da Don Vittorio Magnanelli

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Foto da: museodiocesanojesi.wordpress.com

JESI – Domenica 11 marzo sarà inaugurata la nuova sezione del Museo Diocesano con quasi quaranta icone donate da don Vittorio Magnanelli, che racconterà come è nata la sua collezione. Lo staff del Museo illustrerà l’allestimento e accompagnerà i presenti con una visita guidata all’interno di questa sezione. L’appuntamento è alle ore 16,45, quando il Vescovo di Jesi, don Gerardo Rocconi, aprirà l’incontro di presentazione, impreziosito dall’intervento di suor Patrizia Pasquini sulla tecnica di realizzazione delle icone.

Suor Patrizia è un’iconografa, ovvero realizza icone, appartiene alla Congregazione delle Adoratrici del Sangue di Cristo e vive a Castelplanio nel Centro di Spiritualità “Sul Monte”, molto attivo nel territorio con corsi e incontri aperti a tutti per la formazione alla vita spirituale.

Suor Patrizia testimonia come oggi l’iconografia possa essere praticata da chiunque voglia intraprendere un lavoro artigianale paziente e minuzioso a seguito di un percorso spirituale, non necessariamente legato a una scelta di vita consacrata.

Originariamente gli iconografi orientali erano soprattutto monaci e seguivano modelli prestabiliti, la cui provenienza è ritenuta ultraterrena, rivelatrice di messaggi teologici. I materiali utilizzati erano minerali, vegetali e organici, ognuno caratterizzante una precisa fase della lavorazione, per richiamare la partecipazione del cosmo intero nella composizione di un oggetto che è qualcosa di più di un’opera d’arte.

Lo scorso 4 febbraio, in occasione della Giornata per la Vita, il Museo Diocesano ha svelato in anteprima quattro icone sulla Madre di Dio. Le altre icone della collezione riguardano Gesù Cristo e Dio, la vita della Vergine, le festività del Calendario ortodosso, i Santi, il Profeta Elia. La nuova sezione entra a far parte dell’allestimento permanente e sarà sempre visitabile in orario d’apertura del Museo.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.