Una pista ciclabile da Frasassi al mare: firmato protocollo d'intesa tra Comuni | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Una pista ciclabile da Frasassi al mare: firmato protocollo d'intesa tra Comuni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Diciotto Comuni della Vallesina insieme a Legambiente Marche Onlus e a Fiab per la realizzazione di una pista ciclabile di 50 chilometri che colleghi Sassoferrato a Falconara. Il progetto, condiviso dalle varie Amministrazioni, va sotto il nome di “Distretto ciclo turistico della Vallesina” e risponde alle politiche finalizzate alla mobilità sostenibile e allo sviluppo economico-turistico del territorio, secondo quanto stabilito dalle recenti normative della Comunità Europea.

Ieri pomeriggio, i sindaci dei 18 Comuni si sono riuniti presso la sala consiliare del Comune di Jesi per firmare il protocollo d’intesa per formalizzare il proprio reciproco impegno, diretto all’implementazione del progetto. “Il Distretto ciclo turistico non solo offre alla Vallesina la possibilità di favorire la mobilità sostenibile ma è anche un’occasione per promuovere e migliorare il nostro territorio – ha spiegato l’assessore all’Ambiente del Comune di Jesi Cinzia Napolitano – Di fatto, può diventare anche un’attrattiva turistica per gli appassionati di vacanze attive, relazionali e che privilegiano l’aspetto esperienziale a quello culturale”.

Il percorso ciclo turistico, estendendosi dal Parco Gola della Rossa – Frasassi fino al mare, sarebbe infatti in grado di interconnettere le  singole realtà locali, borghi collinari e aree dell’entroterra, favorendo la promozione delle eccellenze storico-culturali e i prodotti tipici di cui il territorio è ricco.

Per la realizzazione dell’opera, le Amministrazioni coinvolte hanno deciso di puntare ad acquisire finanziamenti comunitari o ministeriali, dato che il progetto è in grado di integrare interventi diversi in ambiti specifici, rispondendo ad esigenze tipo ambientale, turistiche e con ricadute anche in campo occupazionali. Ma per accedere ai finanziamenti extra bilancio, c’è da sviluppare una linea d’azione ben salda, un documento di approfondimento che individui, su una planimetria, i nodi di connessione, le criticità, le caratteristiche del fondo stradale, la qualità dell’inserimento paesaggistico e, non ultimo, i tempi di realizzazioni. Con la firma del protocollo d’intesa, i Comuni coinvolti si impegnano a sostenere insieme una prima spesa complessiva di 13 mila euro – ciascuno ne pagherà una quota, proporzionalmente alla popolazione residente – per l’affidamento di un incarico ad un professionista specializzato nel settore della progettazione integrata del territorio affinché elabori, a partire dall’idea, un vero e proprio progetto preliminare da candidare per la concessione dei necessari finanziamenti.

Non si conoscono ancora i tempi di realizzazione. Certo è che si è fatto un primo passo e che va nella direzione della gestione condivisa e integrata del territorio.

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.