Moie, incontro dell’amicizia tra la bocciofila “Campanelli” e la Metaurense

MOIE – Martedì pomeriggio, presso il bocciodromo comunale di Largo Tien Am En, si è svolto l’incontro amichevole tra la bocciofila “E.Campanelli” di Moie e il gruppo metaurense di Calcinelli. Protagonisti i partecipanti al corso di avviamento al gioco per bocce, partito lo scorso ottobre. Tra questi anche giovani e adulti con difficoltà psicofisiche: perché il gioco delle bocce è sport inclusivo, capace di produrre benefici sia fisici sia psicologici e con un’importante funzione socializzante.

«Ragazzi bravi, educati, che ogni lunedì hanno preso parte agli incontri di bocce previste dal corso – spiega Tonino Nicolini, vice presidente della bocciofila moiarola e coordinatore del corso, insieme ai soci Gildo Ciaffoni, Fernando Febi e a Daniele Guerro – Obiettivo farli divertire, stare insieme, nello spirito di gruppo».

Il corso, che alle spalle vanta già diverse edizioni, è gratis ed ha ottenuto quest’anno dieci nuove iscrizioni.

«A Moie c’è una tradizione importante del gioco delle bocce – fa sapere Giorgio Ombrosi presidente dell’associazione – Questo con la metaurense di oggi è un gemellaggio importante, che speriamo possa ripetersi in futuro. L’obiettivo sociale è l’integrazione anche tra generazioni diverse».

Dopotutto, le associazioni della zona hanno avuto sempre lo spirito di allargarsi a nuovi orizzonti. Lo dice il sindaco Umberto Domizioli, presente all’amichevole come spettatore: «La bocciofila ha saputo aprirsi ad iniziative dal forte valore aggiunto, proprio come questa, ponendo un’attenzione in più verso chi è in difficoltà»..

Il tutto è stato reso possibile grazie anche al contributo della ITAS assicurazioni di Jesi.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*