715 anni di storia: Fiere di San Settimio dal 23 al 25 settembre | Password Magazine
Festival Pergolesi

715 anni di storia: Fiere di San Settimio dal 23 al 25 settembre

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Dal lontano 1304 l’autunno a Jesi comincia con le Fiere di San Settimio, uno degli eventi più attesi delle Marche. Oltre 600 bancarelle tra ambulanti ed espositori provenienti da tutta Italia con merci di ogni genere e prodotti tipici di qualità animano le piazze e le vie del centro storico e l’ampia area a ridosso delle antiche mura medioevali.
Dal 23 al 25 settembre, tre giorni ininterrotti di colori, profumi, sapori e musiche diventano un appuntamento irrinunciabile per decine di migliaia di visitatori che contribuiscono, con la loro presenza, a creare l’atmosfera tipica di una suggestiva e spettacolare festa popolare.
Storia e tradizioni, prodotti e oggetti per tutti i gusti e per tutte le esigenze, arti e mestieri, spettacoli e attrazioni, nell’allegro vociare di venditori ambulanti e pubblico rendono Jesi e le Fiere di San Settimio uniche e irripetibili.

Sulla pagina facebook del Comune di Jesi viene anche pubblicato il documento ufficiale che attesta la nascita delle Fiere.

Ecco il primo documento ufficiale che attesta la presenza a Jesi delle Fiere di San Settimio. E’ datato 2 settembre 1304 ed è il messaggio di un banditore pubblico che annuncia ad Assisi e Perugia “che chiunque voglia recarsi alle fiere della città di Jesi che cominciano il giorno 22 del mese di settembre prossimo venturo e proseguono fino al 15 del successivo mese di ottobre, può recarsi, soggiornare e ritornare liberamente e in sicurezza nella rocca, contado, giurisdizione e distretto della sopradetta città nel periodo delle medesime fiere e per quindici giorni prima dell’inizio delle suddette e così anche coloro che a lui si accompagnano, persone e cose. Quanto sopra vale per tutti, fatta eccezione per chi è stato bandito dalla Chiesa di Roma e dalla sopradetta città, nonché falsari, ladri e briganti, e altri uomini di malaffare: essi non devono andare”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.