Gruppo Bondoni: "Cinque anni fa inauguravamo la Casa del Commiato, oggi investiamo nel futuro" | Password Magazine
Festival Pergolesi

Gruppo Bondoni: "Cinque anni fa inauguravamo la Casa del Commiato, oggi investiamo nel futuro"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CASTELPLANIO –  Sono passati ormai cinque anni dall’inaugurazione della Casa del Commiato del Gruppo Bondoni, la prima realizzata nelle Marche. Era l’11 ottobre 2009 quando la struttura, sita a Castelplanio, apriva ufficialmente al pubblico con la cerimonia del taglio del nastro, coinvolgendo cittadini, autorità e istituzioni del territorio. Quel giorno prendeva il via un nuovo e appropriato modo di dire addio al proprio caro grazie all’intuizione del Gruppo Bondoni, il primo ad aver compreso l’esigenza di un luogo confortevole, raccolto e ben attrezzato per ricevere parenti e amici nel doloroso  momento dell’ultimo saluto.

Ben tre le sale , di diversa ampiezza, dotata ciascuna di camera ardente e di una confortevole ed elegante antisala in cui accogliere parenti e amici, gratuitamente a disposizione della clientela. Oggi il Gruppo Bondoni è diventato sinonimo di eccellenza e di qualità nel settore delle onoranze funebri tanto che è entrato a far parte dell’EFI, l’associazione Eccellenza Funeraria Italiana che aggrega, valorizza e salvaguarda le vere Imprese che rispondono a standard di alto livello in termini di qualità dei servizi erogati e prodotti utilizzati.

Proprio mercoledì scorso, Marco Bondoni era Roma, in Senato, per la presentazione del un nuovo disegno di legge del Senatore Stefano Vaccari che riforma le discipline dei funerali, delle sepolture e della cremazione e regolarizza il settore.

“In Italia, esistono più di 6000 partite Iva abilitate allo svolgimento di un funerale. Ma quanti sono realmente gli operatori adeguatamente preparati e strutturati in grado di affrontare il delicato ruolo che rivestono? – dichiara Marco Bondoni – Questo decreto tutela e restituisce un futuro a chi lavora seriamente e con professionalità, investendo tempo, energie e risorse in formazione, studio e ricerca di sempre nuove soluzioni capaci di risolvere le esigenze di una società che cambia velocemente”.
Aveva appena sedici anni Marco quando iniziò ad avvicinarsi alla professione, aiutando il nonno. E oggi la sua preoccupazione va a Edoardo che è entrato in azienda a 22 ed ha la motivazione giusta e l’entusiasmo per continuare un mestiere che i Bondoni praticano da più di un secolo.
Cinque anni dall’apertura della Casa del Commiato e una secolare esperienza nel settore. Come si convive con questa responsabilità?
Il Gruppo Bondoni è un discorso generazionale che prosegue nel tempo e che ci rende sinonimo di tradizione e professionalità.  L’esperienza del passato conta molto ma a fare la differenza è quanto si è disposti ad investire nel futuro, monitorando costantemente i bisogni del cliente. La Casa del Commiato nasceva da questo, da un’esigenza. Averle dato risposta, ha creato una domanda ancora maggiore tanto che stiamo costruendo un quarta Sala”.
Con la Casa del Commiato, il Gruppo Bondoni ha introdotto un’innovazione importante per il territorio…
“Il servizio nasceva con una funzione socialmente utile, quella di evitare i disagi del tenere la salma in casa e di ovviare alla mancata riservatezza delle strutture sanitarie. La prima cosa è il supporto alla famiglia:  all’interno dello staff sono presenti figure professionali abilitate per il sostegno, tra cui uno psicologo, e stiamo creando nuovi ambienti di confort, compresa una sala relax.  La Casa del Commiato, ci tengo a precisare, è un servizio gratuito per i clienti che possono far richiesta di utilizzo delle Sale senza temere costi aggiuntivi”.
Eccellenza e servizi di primo ordine unito a sensibilità e ascolto ai familiari. Viene da chiedersi se tutto questo ha un prezzo…
“La qualità non sempre è sinonimo di caro prezzo: Gruppo Bondoni offre la possibilità di scegliere tra una vasta gamma di soluzioni, garantendo servizi e prodotti conformi a standard di eccellenza collocati su varie fasce di prezzo”.
Quali sono i prossimi passi per il futuro?
“Gli obiettivi sono molti e abbiamo diversi i progetti in corso d’opera. La nostra è una realtà di ampie vedute: non bisogna mai restare fermi ma mantenersi sempre in evoluzione, verso nuovi traguardi”.

 

 

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.