XXV Aprile a Jesi, Bacci: «Il covid ci ha fatto riscoprire il valore della Libertà». | | Password Magazine
Banner4Baffi

XXV Aprile a Jesi, Bacci: «Il covid ci ha fatto riscoprire il valore della Libertà».

JESI – Un 25 Aprile senza corteo né celebrazioni ufficiali ma che oggi assume un significato ancora più profondo.
Queste le parole del sindaco Massimo Bacci in un video messaggio rivolto alla cittadinanza pubblicato sui canali ufficiali del Comune: «Il Covid ci ha fatto riscoprire il significato di quella parola, libertà, per la quale molti giovani hanno dato la vita – ha detto -. Nelle ultime settimane abbiamo messo la nostra libertà a disposizione degli altri, abbiamo accettato e deciso di sconvolgere le nostre abitudini in nome di un valore assoluto, la salute pubblica, e forzatamente abbiamo rinunciato al nostro lavoro affrontando anche pesanti conseguenze economiche. Mi chiedo se questo non è l’uso più alto e consapevole della libertà che sia stato fatto negli ultimi 75 anni. Una scelta obbligata che onora la memoria di quanti combatterono per consentire a chi sarebbe venuto dopo di comprenderne il valore».  Il sindaco ha chiamato poi  «i nuovi partigiani di oggi» i medici, il personale sanitario, gli operatori sociale e tutti coloro che hanno contribuito a  ridurre il contagio. Combattenti in questa Resistenza anche le associazioni di volontario e gli operatori del terzo settore, che non hanno mai smesso di aiutare anche le famiglie che si sono trovate in serie difficoltà.

L’occasione è stato spunto per una personalità di Jesi recentemente scomparsa che viveva il 25 Aprile in modo particolare, l’ex sindaco di Jesi e senatore della Repubblica Aroldo Cascia. In un intervento del 1985, recuperato grazie al professor Ero Giuliodori, Cascia ricordava i tre motivi che rendono la Liberazione una festa importante da ricordare: perché l’Italia tornava ad essere libera con il sacrificio di donne e uomini, perché il popolo italiano poteva così dotarsi di una sua costituzione, perché la costituzione prevedeva l’uguaglianza sostanziale capace di migliorare la tenuta democratica del Paese. «Se oggi Cascia fosse con noi – aggiunge Bacci – rivedrebbe questi valori nell’azione dei cittadini contro la pandemia. Come sindaco sono orgoglio di guidare una comunità coesa verso un obiettivo comune e solidale. La nostra resistenza, alla fine vinceremo».

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.